Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Caso Renzo Formosa, chiesti cinque anni per l'imputato
Legale: «Era la richiesta massima con il rito abbreviato»

La sentenza per Santo Salerno, il 24enne figlio di un vigile urbano di Siracusa, è stata fissata per il prossimo 15 luglio. A oltre tre anni di distanza dall'incidente avvenuto in via Bartolomeo Cannizzo in cui il 15enne perse la vita

Marta Silvestre

Cinque anni per omicidio stradale. È questa la richiesta di condanna avanzata dal pubblico ministero nei confronti di Santo Salerno, il 24enne figlio di un vigile urbano di Siracusa che è imputato nel processo per la morte del 15enne Renzo Formosa dovuta all'incidente del 21 aprile 2017 nella zona di via Bartolomeo Cannizzo, a Siracusa

«Dopo la discussioni delle parti, è arrivata la richiesta dell'accusa - spiega a MeridioNews Gianluca Caruso, il legale che assiste i genitori di Renzo - Sette anni e mezzo poi ridotti a cinque perché Salerno ha scelto di essere giudicato con il rito abbreviato. Per gli elementi che sono emersi - aggiunge l'avvocato - era il massimo che il pubblico ministero potesse chiedere». Il processo è stato rinviato al prossimo 15 luglio per le repliche e quello sarà anche il giorno della sentenza

Durante la precedente udienza, il giudice aveva rigettato la richiesta di una nuova perizia tecnica sul processo che era stata avanzata dalla difesa. Il figlio dell'agente di polizia municipale, inoltre, per quattro volte si è visto rigettare la richiesta di patteggiamento. In questi tre anni, la famiglia Formosa non ha mai smesso di chiedere giustizia per Renzo che, a causa delle gravi ferite riportate nello scontro, è morto dopo un giorno di ricovero in prognosi riservata all'ospedale Umberto I del capoluogo aretuseo.

Salerno avrebbe perso il controllo dell'auto vicino a una curva. Sbandando, avrebbe invaso la corsia opposta lungo la quale procedevano tre scooter affiancati tra cui quello guidato dal 15enne. I rilievi furono fatti dagli agenti della polizia municipale, colleghi del padre dell'imputato. La famiglia Formosa ha denunciato i due vigili intervenuti, Francesco Callea e Francesco Gualtieri. L'anno scorso, dopo una relazione sul caso della commissione disciplinare del Comune, ha preso il via il procedimento amministrativo che ha portato alla sospensione dei due vigili urbani. La sanzione disciplinare, però, è stata applicata in ritardo. Poi, per entrambi è arrivata l'archiviazione

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×