Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Covid-19, i consigli della psicoterapeuta #1
Nove strumenti pratici più un utile antidoto

Paura, ansia e angoscia. Tre emozioni diverse, spesso confuse tra loro e persino necessarie, a piccole dosi. In tempo di pandemia, non è facile non farsi sopraffare. Ecco alcuni suggerimenti per riflettere insieme in modo positivo 

In poco tempo si è tramutato il vocabolo con cui definiamo il nemico invisibile: l’11 marzo 2020, infatti, il direttore generale dell’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità), Tedros Adhanom Ghebreyesus in conferenza stampa a Ginevra, dichiara che Covid-19 (la sigla è la sintesi dei termini CO-rona VI-rus D-isease e dell’anno d’identificazione 2019) può essere inquadrato come pandemia. La parola deriva dal greco: παν (tutto) e δήμος (popolo), “tutto il popolo”, e caratterizza un tipo peculiare di epidemia la cui distribuzione è talmente vasta da coinvolgere varie aree geografiche, con un alto numero di casi gravi e una mortalità elevata.

Paura, ansia e angoscia
I vissuti che prevalgono nei cittadini sono, pertanto, di paura, ansia e angoscia. La paura è un'emozione primaria fondamentale per la nostra difesa e sopravvivenza; se non la provassimo non riusciremmo a proteggerci dai rischi. Una misurata dose di essa è necessaria; ha una valenza adattiva. Rispettare le esigue ma obbligatorie indicazioni delle autorità richiede un minimo di attivazione; il confine che intercorre tra un’allerta funzionale (stress positivo o eustress) ed un eccesso di attivazione, con comportamenti poco lucidi e controproducenti (stress negativo o distress), è molto sottile. Il meccanismo dell’ansia per tutti noi è fisiologico, proficuo per attivare il nostro organismo davanti a un allarme: fino a un certo livello è adattivo poiché ci rende più vigili; superato lo stesso, invece, rende l’organismo inadatto a reagire in modo appropriato e favorevole. Nella situazione pandemica che stiamo vivendo, le persone sono intimorite e si sentono inerti ed inermi perché al cospetto del temuto virus silente non vi sono attualmente soluzioni, sebbene scienza e tecnologia siano così avanzate. L’angoscia, infine, ritrae una sorta di paura senza nome, dalle cause e origini non immediatamente individuabili. Per tale ragione essa è non solo minacciosa ma sovente anche catastrofica per chi la vive; essendo subita, dà impotenza e deprime. Dinanzi al Covid-19 ci si sente minuscoli e prigionieri ed è per tale ragione che aleggia ed imperversa l’angoscia.

Qualche consiglio pratico
Alcuni spunti utili da utilizzare per riflettere insieme in modo positivo e proattivo, sono i seguenti:

  • soffermarsi sulla voglia di reiniziare e riprendere per ripartire e ricostruire;
  • assaporare la piacevolezza della riscoperta dei propri affetti e delle dinamiche familiari;
  • pensare alla ritrovata piacevolezza di stare insieme seppur, talvolta, fisicamente lontani;
  • autorizzarsi ad essere vulnerabili riflettendo, in moto costruttivo, sulle proprie fragilità;
  • riflettere su di sé in una prospettiva di crescita individuale;
  • il mutamento di angolazione della propria vita, delle proprie idee e del modo di considerare i propri pensieri, accogliendo modalità differenti che delineino nuovi punti di forza e di debolezza;
  • avere maggiore disponibilità di tempo per se stessi, per dedicarsi ai propri hobby e per interessarsi ad attività nuove;
  • non riuscendo a controllare fuori, l’esterno, possiamo provare a controllare dentro di noi, l’interno, le nostre emozioni e reazioni;
  • fare gruppo con amici sostenendoli, se necessario, con la propria presenza emotiva.

Antidoto
Considero utile e strategicamente vincente diffondere un antidoto, un antivirus: pensare che rimanendo uniti, seppur distanti, possiamo farci forza! 

Dott.ssa Antonietta Germanotta
Psicologa e psicoterapeuta familiare - Psicotraumatologa EMDR
Sito web -
Pagina Facebook

Leggi le puntate precedenti della rubrica:
Covid-19, un «trauma collettivo» da affrontare insieme
- Il servizio telefonico gratuito di aiuto psicologico Ascolto al sicuro

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

MeridioKids, la rubrica per i più piccoli

Un modo per creare comunità in questo periodo senza socialità. Nasce per questo MeridioKids, la rubrica di MeridioNews pensata per la quarantena di grandi e piccini. Istruttori di discipline sportive, artisti, disegnatori, animatori, pasticceri, maghi. A ognuno abbiamo chiesto di pensare un'attività o un gioco ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews