Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Coronavirus, boom richieste per arance e limoni di Sicilia
Più domanda e meno produzione, ma servono investimenti

In un'economia a pezzi, il settore agrumicolo fa eccezione. Chi ha una produzione tardiva o chi a marzo ha fatto scorte oggi vende l'arancia rossa a 1,50 euro. Ed è aumentata la richiesta di limone come disinfettante. Ma a questo boom non siamo arrivati preparati

Salvo Catalano

Chi è stato più fortunato o più scaltro, in questi giorni, sta facendo affari d'oro con l'arancia rossa. La stagione sta per finire, del frutto simbolo della Sicilia nel mondo ne rimane poco in giro. E chi gode di una produzione tardiva o chi, come i grossi commercianti, a marzo ha fatto scorte oggi riesce a vendere fino a un euro e 50 centesimi al chilo. In un contesto economico-sociale a pezzi per l'emergenza Coronavirus, il settore degli agrumi fa eccezione.

«A partire dal primo decreto - spiega Giovanni Selvaggi, presidente del consorzio Igp arancia rossa - la richiesta di arance è aumentata in maniera considerevole, ma in generale si è venduto bene tutto l'anno». Stessa cosa per i limoni, per cui si è aggiunto anche un aumento di richiesta a fini disinfettanti. A Siracusa, sede del consorzio Igp, il prodotto è andato a ruba. Ma anche ai piedi dell'Etna, dove l'associazione attende a breve il riconoscimento Igp dall'Europa. Eppure dietro questo buon momento si nascondono dinamiche più complesse. 

«Ci sono diversi fattori da tenere in considerazione - spiega Corrado Vigo, consigliere dell'ordine nazionale degli agronomi - È vero che c'è più domanda, ma c'è anche meno offerta. Rispetto all'anno scorso c'è stata una produzione di arance e limoni inferiore del 40-50 per cento, a causa delle cattive condizioni meteo, vento e pioggia nel Sud-Est, della stagione precedente. In più, per quanto riguarda le arance tarocco le alte temperature dei primi mesi dell'anno hanno anticipato la produzione, tanto che adesso è quasi finita». Ecco perché chi ha ancora prodotto lo vende a peso d'oro. «Per i limoni - precisa Alessandra Campisi, presidente del consorzio Igp di Siracusa - dobbiamo anche considerare che quest'anno manca la concorrenza spagnola, perché il loro principale cultivar, il Verna, produce ad anni alterni». 

Meno produzione e concorrenza, più richiesta. Ma anche costi più alti. «Il coronavirus - sottolinea Selvaggi - non ha solo fatto crescere la domanda. Le spese per i produttori sono aumentate. Se prima su una pianta stavano tre operai per la raccolta, ora ce ne può stare solo uno per garantire il distanziamento». A incidere è anche il costo del trasporto. «Da Siracusa i camion partono pieni per il Nord - spiega Campisi - dove però trovano le fabbriche chiuse, si fa fatica a riempirli di altri beni per farli viaggiare pieni anche al ritorno. Così o rimangono fermi per giorni interi, oppure i camionisti riversano su di noi i costi di un viaggio in perdita». 

Questo mix di fattori ha portato il prezzo medio dell'arancia rossa durante la stagione tra i 40 e i 60 centesimi al chilo in campagna, mentre già a marzo la produzione destinata all'industria, quindi quella di meno valore, si vendeva tra i 25 e i 30 centesimi. Prezzi alti rispetto all'anno scorso. I limoni si sono stabilizzati a 80-85 centesimi al chilo alla produzione, ma con picchi superiori a un euro per il biologico. «Quest'anno - spiega Rosario Maugeri, presidente dell'associazione Limone dell'Etna - abbiamo venduto meno all'industria e più come prodotto fresco. Siamo in fase di ripresa, ma i margini sono ancora molto ampi se consideriamo che attorno all'Etna a metà anni '80 c'erano tra 10 e 12mila ettari di limoni e oggi siamo a duemila circa».

Eppure la Sicilia non è arrivata sufficientemente preparata a questa congiuntura favorevole. «La domanda di agrumi di qualità cresce da un po' di tempo e la nostra produzione non basta - riflette Selvaggi -. Se dieci anni fa le istituzioni ci avessero dato ascolto quando chiedevamo un vero piano agrumicolo per la riconversione delle varietà, oggi avremmo il 50 per cento in più della produzione». I conti del maxi-investimento che non è stato portato avanti sull'agrumicultura siciliana, al di là dei fondi europei non sfruttati adeguatamente dalla Regione negli anni, li ha fatti Vigo. «In Sicilia - spiega l'agronomo - ci sono 70mila ettari di agrumeti devastati dal virus della tristeza, di cui solo una parte minoritaria è stata riconvertita grazie alla buona volontà di singoli imprenditori. Per convertire un ettaro servono in media 15mila euro, in totale servirebbe un investimento statale da un miliardo. Oggi - conclude - avrebbe generato un indotto importantissimo e saremmo davvero competitivi».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews