Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Agira, deceduto anziano medico di base in pensione
Sesto morto nel paese zona rossa, altri casi sospetti

Ieri si è spento il dottor Arcangelo Bannò, padre di un assessore e molto conosciuto nel Comune della provincia di Enna. «Ci sono altri morti, ricoverati e centinaia di persone in quarantena di cui aspettiamo da giorni l'esito dei tamponi», denuncia la sindaca

Salvo Catalano

Ad Agira mancano cinque giorni alla fine della zona rossa istituita dal presidente Nello Musumeci. Ma la situazione rimane complicata e la misura potrebbe anche essere estesa. Ieri si è registrata la sesta vittima con Covid-19: è morto il dottor Arcangelo Bannò, medico di base in pensione. Aveva 82 anni ed era ricoverato da una decina di giorni all'ospedale di Enna. Il coronavirus aveva colpito un corpo già debilitato a causa di alcuni problemi cardiaci. Salgono così a sei i morti nel paese serrato in entrata e in uscita dal 23 marzo. «Almeno questi sono quelli certi - spiega a MeridioNews la sindaca Maria Gaetano Greco - ci sono altre due persone decedute dopo essere state ricoverate in ospedale con sintomi sospetti di cui attendiamo l'esito del tampone». 

Il dottor Bannò - padre dell'attuale assessore comunale Domenico ed ex candidato sindaco - era molto conosciuto in paese e fino a pochi anni fa ha esercitato la sua professione di medico. Nei giorni scorsi era morta anche una sua parente, un'anziana di 86 anni, la seconda vittima in paese. «L'unica notizia positiva è che da un paio di giorni non ci sono ricoveri - spiega la sindaca - ma i contagi continuano a crescere, al momento sono 40. Bisogna considerare che adesso ci stanno arrivando i risultati di tamponi fatti anche otto giorni fa». Tempi lunghi anche perché in provincia di Enna fino a pochi giorni fa non c'era un laboratorio di riferimento per i test. Tutti finivano a Catania, compresi tutti quelli eseguiti all'oasi di Troina, il più grave focolaio della Sicilia. Questa settimana ha iniziato a operare il laboratorio dell'ospedale di Piazza Armerina che, però, avrebbe subito registrato problemi e interrotto il lavoro. Solo da ieri dovrebbe essere stata attivata la struttura all'interno dell'ospedale Umberto I di Enna. 

«Ci sono tra le dieci e le quindici persone di Agira ancora ricoverate di cui non sappiamo l'esito dei tamponi - fa i conti Greco - e ancora altri 150 test sono stati eseguiti su persone in quarantena a casa con sintomi lievi. E anche di questi, seppure sia passata una settimana, non abbiamo notizie. È vero che in caso di esito negativo l'Asp non ci comunica niente, ma purtroppo non credo che la totalità di questi casi sia negativa, anche perché quasi tutti sono parenti di soggetti contagiati».

Nel paese zona rossa, intanto, si vive chiusi in casa. Qui anche per fare la spesa sono state imposte modalità diverse dal resto della Sicilia. I generi alimentari vengono portati a domicilio o, al massimo, prenotati via telefono e consegnati per appuntamento all'esterno dell'esercizio commerciale. «L'80 per cento dei miei concittadini sta rispettando i divieti - conclude la sindaca - qualcuno continua a fare fatica a rinunciare ad abitudini e comodità. Ma dobbiamo stringere i denti e capire che serve ancora qualche sforzo per proteggere la salute di tutti noi».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

MeridioKids, la rubrica per i più piccoli

Un modo per creare comunità in questo periodo senza socialità. Nasce per questo MeridioKids, la rubrica di MeridioNews pensata per la quarantena di grandi e piccini. Istruttori di discipline sportive, artisti, disegnatori, animatori, pasticceri, maghi. A ognuno abbiamo chiesto di pensare un'attività o un gioco ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews