Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Positivo uscito dall'ospedale va al supermercato
Accusato di epidemia colposa, rischia fino a 12 anni

È successo a Caltanissetta. L'uomo era stato dimesso dal reparto di Malattie infettive perché clinicamente guarito ma ancora positivo. Controlli e molte sanzioni anche in provincia di Siracusa 

Redazione

A Caltanissetta un uomo ancora positivo, da poche ore dimesso dall'ospedale, ha violato l'obbligo di quarantena a casa per andare a fare la spesa. È stato fermato dalla polizia ed è ora accusato di epidemia colposa, reato per cui rischia fino a 12 anni di carcere. 

È successo ieri nel capoluogo nisseno. L'uomo era stato dimesso dal reparto malattie infettive del Sant’Elia, perché clinicamente guarito ma ancora positivo e quindi contagioso per gli altri. Per tale motivo precauzionalmente era stato accompagnato a casa con un’ambulanza del 118. Poche ore dopo è uscito per comprare generi alimentar,  ma è stato intercettato da una pattuglia della polizia di Stato impegnata nei controlli di prevenzione e contenimento contro l’epidemia, che l’ha riconosciuto.

«La pena prevista dal codice penale per tale reato - ricorda la Questura di Caltanissetta - è della reclusione da uno a cinque anni, se la condotta cagiona un’epidemia, e della reclusione da tre a dodici anni, se l’epidemia cagiona la morte di persone. Trattandosi di un reato di pericolo, per la sua punibilità, non si esige la realizzazione di un pericolo concreto per la salute pubblica, essendo sufficiente che la condotta del trasgressore abbia in sé l’attitudine a produrre nocumento alla salute pubblica».

Controlli e sanzioni anche in provincia di Siracusa. Nel capolugo un uomo è stato controllato a bordo della sua auto mentre si aggirava nella zona balneare dell’Arenella, un soggetto si aggirava per le vie della città proveniente da Priolo Gargallo; alcune persone sono state sanzionate perché sorprese a passeggiare tra le vie di Ortigia. Tutti non sono stati in grado di fornire un motivo valido per giustificare l’uscita dalle proprie abitazioni.

A Cassibile un uomo, proveniente da un comune limitrofo, è stato sanzionato perché si era recato a ritirare un pacco in un negozio di spedizioni; ad Avola due soggetti non conviventi sono stati controllati e sanzionati mentre circolavano a bordo di un’autovettura senza motivo valido; a Noto tre persone si stavano intrattenendo a conversare nei pressi di un distributore automatico di tabacchi; a Portopalo è stato sanzionato un uomo che all’atto del controllo ha giustificato la sua uscita da casa dicendo di essere andato a far visita ad un amico; a Buscemi un 30enne siracusano è stato sanzionato perché si era recato, fuori dall’ambito territoriale del suo comune, a trovare un’amica; a Carlentini, Pachino e Sortino, alcuni soggetti sono stati controllati e sanzionati mentre circolavano a bordo delle loro auto senza alcuna necessità; ad Augusta due donne sono state controllate e sanzionate mentre circolavano a bordo di un’autovettura senza motivo valido. Le due hanno tentato di giustificarsi dicendo che stavano tornando da un immobile di loro proprietà dato in locazione; a Melilli tre uomini, di cui due provenienti da altro comune, sono stati sanzionati perché sorpresi a bordo di un’auto mentre circolavano per le vie di quella cittadina: i tre hanno riferito di essere in attesa di alcune amiche; a Francofonte sono stati sanzionati vari soggetti perché sorpresi a bordo delle loro auto, lungo le vie cittadine, senza un motivo valido per giustificare l’uscita. Tre di loro, all’atto del controllo, erano all’interno di un’auto in sosta nella quale stavano chiacchierando.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

MeridioKids, la rubrica per i più piccoli

Un modo per creare comunità in questo periodo senza socialità. Nasce per questo MeridioKids, la rubrica di MeridioNews pensata per la quarantena di grandi e piccini. Istruttori di discipline sportive, artisti, disegnatori, animatori, pasticceri, maghi. A ognuno abbiamo chiesto di pensare un'attività o un gioco ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews