Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Covid, da governo Musumeci cento milioni per la spesa
«Aiuto per sostenere chi non ha reddito di cittadinanza»

Tra i 12 e i 14 milioni alla città di Palermo, sei o sette a Catania, tre o quattro milioni a Messina. Sono le cifre che trapelano da palazzo d'Orleans. Le prime tranche potrebbero essere trasferite già nel giro di dieci giorni

Miriam Di Peri

Cento milioni di euro dalla Regione Siciliana per consentire alle famiglie disagiate di accedere all'assistenza alimentare. Lo ha deciso il governo Musumeci, riunitosi in mattinata a Palazzo Orleans, in seduta straordinaria e urgente. Presenti seppur a distanza di sicurezza, oltre al governatore, gli assessori al Territorio, Toto Cordaro, all’Economia, Gaetano Armao, alla Salute, Ruggero Razza, e all’Istruzione, Roberto Lagalla. Si tratta di una misura importante, che sarà reperita attraverso fondi extraregionali: nello specifico, 70 milioni di euro saranno recuperati dal Programma complementare e 30 milioni dal Fondo Sociale europeo.

Dalle stime che filtrano al momento dalle parti del governo, sarebbero tra i 12 e i 14 milioni di euro quelli che arriveranno, in due o tre tranche, alla sola città di Palermo, sei o sette alla città di Catania, mentre per Messina la cifra dovrebbe aggirarsi tra i tre e i quattro milioni. Per i centri al di sotto dei diecimila abitanti, le somme dovrebbero essere erogate direttamente ai Comuni, che attiveranno le procedure per contattare direttamente le famiglie interessate. Diverso, invece, l’approccio nelle grandi città: in quel caso le somme serviranno a finanziare il banco alimentare al quale le famiglie si rivolgeranno.

I tempi previsti, in ogni caso, sono piuttosto stretti: il governo stima che in una settimana, dieci giorni al massimo, la prima tranche sarà già nella disponibilità dei Comuni. Secondo il presidente della Regione, Nello Musumeci, «si tratta di una prima necessaria risposta che vogliamo dare per consentire a migliaia di famiglie siciliane, ormai esasperate, di far fronte almeno alle immediate esigenze alimentari. Speriamo che arrivino prestissimo anche gli interventi dello Stato, da me più volte sollecitati. In queste settimane di paralisi - aggiunge il governatore - sono cresciuti a dismisura nella nostra Isola i nuclei familiari più fragili e maggiormente disagiati, quelli cioè che stanno soffrendo più di tutti la perdurante crisi dovuta all'emergenza Coronavirus. Famiglie che in parte si aggiungono alle altre 450mila dichiarate povere in Sicilia, secondo i dati dell’Istat».

Le risorse assegnate ai Comuni dovranno prestare particolare riguardo nella distribuzione «alle nuove povertà - si legge nella delibera - determinate dalle famiglie che non percepiscono più alcun reddito, compreso quello di cittadinanza, e alcuna altra assistenza economica o sanitaria». «Il paradosso - sottolinea l’assessore all’Economia Gaetano Armao - è che coloro che non si erano arresi al reddito di cittadinanza, oggi sono rimasti tagliati fuori da qualunque contributo pubblico. È a loro che deve rivolgersi il nostro sguardo».

«A questa prima misura - aggiunge Musumeci - abbiamo potuto procedere in via amministrativa ed è il frutto della condivisione di tutti i gruppi parlamentari all’Ars e delle organizzazioni sociali. Adesso bisogna lavorare a un bilancio 2020 emergenziale, come abbiamo già concordato nel giro di incontri di mercoledì e giovedì scorsi. È questo lo spirito unitario richiamato anche ieri, nel suo messaggio alla Nazione, dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella, con il quale dobbiamo lavorare».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

MeridioKids, la rubrica per i più piccoli

Un modo per creare comunità in questo periodo senza socialità. Nasce per questo MeridioKids, la rubrica di MeridioNews pensata per la quarantena di grandi e piccini. Istruttori di discipline sportive, artisti, disegnatori, animatori, pasticceri, maghi. A ognuno abbiamo chiesto di pensare un'attività o un gioco ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews