Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Treni, salta anche l'ultimo collegamento con la Sicilia
E la ministra dell'Interno denuncia il sindaco De Luca

Trenitalia ha deciso di fermare l'Intercity da Roma in Calabria e non più a Palermo e Siracusa. La decisione nascerebbe dall'impossibilità di applicare l'ordinanza del sindaco di Messina. Che per i toni usati è stato pure denunciato per vilipendio

Salvo Catalano

Da oggi non si può raggiungere la Sicilia in treno. Dopo le strette sui trasporti delle scorse settimane, era rimasto solo un Intercity giorno con partenza da Roma e arrivo a Palermo e Siracusa. Trenitalia adesso, d'accordo col ministero dei Trasporti, ha deciso di non fare arrivare il treno in Sicilia, ma di fermarlo a Villa San Giovanni. Da qui, chi intende varcare lo Stretto dovrà proseguire traghettando a piedi. 

Secondo quanto ricostruito da MeridioNews, la decisione arriva a seguito delle ultime ordinanze del sindaco di Messina Cateno De Luca che impongono ai vettori di comunicare almeno 24 ore prima l'elenco dei passeggeri che devono fare ingresso nella città dello Stretto, creando un database attraverso cui censire i viaggiatori. Una soluzione che permette il censimento dei pendolari dello Stretto, ma che Trenitalia riterrebbe non applicabile per chi viaggia sul treno a lunga percorrenza. Da qui la decisione di fermare il convoglio in Calabria.

Intanto il sindaco De Luca fa sapere che per realizzare la banca dati verrà utilizzata una piattaforma sviluppata dalla società SalesForce.com Italy srl. «La società con sedi in tutto il mondo - spiega il primo cittadino - ha offerto al Comune di Messina, a titolo completamente gratuito, la realizzazione di un sistema operativo e di una app collegata allo stesso per la realizzazione della banca dati funzionale alla emissione dei biglietti di viaggio. La piattaforma è stata sviluppata in poco più di 24 ore e già domani si potrà procedere al suo lancio pratico con le compagnie di navigazione Caronte e Blu Jet che si sono dichiarate pronte a dare ottemperanza alla nostra ordinanza sindacale n. 75 del 24/3/2020, mentre successivamente si passerà alla sua applicazione anche con le Ferrovie dello Stato. Intendiamo così affrontare finalmente in modo efficiente e razionale l’attraversamento dello Stretto, nel rispetto della disciplina vigente quale misura strategica per il contenimento del contagio da Coronavirus».

Intanto si alza il livello dello scontro tra il ministero dell'Interno e De Luca. A causa dei duri interventi del sindaco degli ultimi giorni e degli attacchi diretti al Viminale, spesso monitorati e ripresi dalle forze dell'ordine presenti, la ministra Luciana Lamorgese ha deciso di denunciare il primo cittadino. I suoi comportamenti sono ritenuti «censurabili sotto il profilo della violazione dell'articolo 290 del codice penale (Vilipendio della Repubblica, delle Istituzioni costituzionali e delle Forze armate)». «Parole - prosegue la nota del mnistero - gravemente offensive, e lesive dell'immagine per l'intera istituzione che lei rappresenta, pronunciate pubblicamente e con toni minacciosi e volgari». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews