Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Covid-19, lo strano caso del cibo a domicilio la domenica
Certi Comuni sì, forze dell'ordine forse ma da Regione è no

L'ordinanza del presidente della Regione Nello Musumeci dispone «la chiusura domenicale di tutti gli esercizi commerciali», escluse farmacie ed edicole. Per le consegne a casa regna la confusione. Una risposta certa c'è ma non tutti la sanno

Marta Silvestre

Foto di: wal_172619

Foto di: wal_172619

«È disposta la chiusura domenicale di tutti gli esercizi commerciali attualmente autorizzati, fatta eccezione per le farmacie di turno e le edicole». È su questa frase dell'ordinanza dell'altroieri del presidente della Regione Nello Musumeci che in molti, nelle ultime 24 ore, si stanno arrovellando come se fosse un rebus. In generale, il concetto sembra chiaro: la domenica tutti gli esercizi commerciali (tranne farmacie ed edicole) devono restare chiusi. Ma c'è un particolare: le consegne a domicilio delle attività di ristorazione sono consentite? A complicare ulteriormente la questione c'è un altro punto dell'ordinanza regionale: «I sindaci, con propria ordinanza, possono disporre riduzioni dell’orario di apertura al pubblico degli esercizi commerciali, a eccezione di quelli autorizzati alla vendita di prodotti alimentari e delle farmacie». 

Quindi, domenica sera per cena sarà possibile ordinare una pizza o un hamburger e farselo consegnare a casa? Una risposta c'è ma non tutti la sanno. Dopo un lungo giro di telefonate per i territori sparsi nell'Isola, la certezza è che regna la confusione. A Trapani ci dicono di sì, così come a Castelvetrano (nel Trapanese) e a Scordia (in provincia di Catania). Anche dall'Anci Sicilia sembrano non avere dubbi «gli esercizi sono chiusi, ma questo non impedisce le consegne a domicilio», spiegano contattati al telefono. 

Interpretazione totalmente diversa arriva invece da altri Comuni. «La ratio dell'ordinanza è chiara: la domenica si deve fermare tutto», risponde il sindaco di Siracusa Francesco Italia. Dello stesso avviso sono anche a Palermo e provincia, a Enna, ad Agrigento, a Ragusa, a Catania e anche ad Acireale e a Palagonia (nel Catanese). Qui il sindaco Salvo Astuti ha emanato una ordinanza in cui viene specificata «la chiusura domenicale di tutte le attività, per tutte si intende attività di ogni ordine, produttive, commerciali, artigianali, comprese quelle di consegna a domicilio di pasti e alimenti, con esclusione solo per le farmacie di turno secondo l'orario ordinario e le edicole fino alle ore 13».

Anche tra i riders la questione però non sembra risolta. «A noi non è arrivata nessuna comunicazione sulla sospensione del lavoro», risponde a MeridioNews uno dei fattorini che lavora per un servizio di corriere che si occupa anche della consegna di farmaci. «L'unica informazione che abbiamo in merito è che per la prossima domenica sarà possibile fare solo le consegne serali», dice invece un rider che lavora per una piattaforma di ordinazione e consegna esclusivamente di cibo. E chi deve controllare come si è organizzato il tutto? «Non abbiamo avuto nessuna comunicazione in merito», rispondono da una questura siciliana. La polizia municipale invece «da una primissima interpretazione direi che sono bloccate anche le consegne a domicilio. Nell'attesa che arrivino maggiori chiarimenti su questo aspetto specifico - risponde un comandante dei vigili urbani - alle pattuglie darò l'indicazione che le attività devono essere chiuse». Non è chiaro, dunque, se un rider incontrato per strada sarà fermato oppure no. 

La soluzione può arrivare solo da chi quell'ordinanza l'ha emanata. Le risposte da parte della Regione vanno da un «non mi ero posto il problema. L'ordinanza l'ha firmata il presidente e deve rispondere il presidente» di un assessore a un «certo che si possono fare le consegne a domicilio» che trapela in un primo momento. Salvo poi la comunicazione ufficiale che arriva dall'entourage della presidenza della Regione: «Nella "chiusura domenicale di tutti gli esercizi commerciali" è compreso anche lo stop delle consegne a domicilio». Per queste domenica la pizza bisognerà farsela a casa.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

MeridioKids, la rubrica per i più piccoli

Un modo per creare comunità in questo periodo senza socialità. Nasce per questo MeridioKids, la rubrica di MeridioNews pensata per la quarantena di grandi e piccini. Istruttori di discipline sportive, artisti, disegnatori, animatori, pasticceri, maghi. A ognuno abbiamo chiesto di pensare un'attività o un gioco ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews