Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Coronavirus, la gestone dell'emergenza nelle Eolie
Due casi a Salina. «Non hanno avuto contatti tra loro»

Un 64enne trasportato al Policlinico e una 25enne tornata dal Nord. Sono i profili dei pazienti a cui è stato diagnosticato il Covid-19. A Lipari i cittadini si mostrano solidali con gli operatori del 118

Simona Arena

L’aria che si respira alle isole Eolie è surreale. Le strade sono deserte ancora più di quanto possa accadere nelle altre città siciliane. Una dimensione amplificata a Salina dove si sono registrati due casi di Covid-19. Una ragazza di 25 anni e un 64enne, entrambi di Santa Marina Salina. 

L’uomo è stato trasportato in elisoccorso al Policlinico di Messina. A Salina c’è solo un punto territoriale di emergenza e una guardia medica. «Non abbiamo strutture adeguate a fronteggiare i casi più gravi. È un momento difficile per tutti - spiega il sindaco Domenico Arabia -, dobbiamo cercare di restare calmi e lucidi, senza dare adito a polemiche inutili o caccia alle streghe. Stiamo cercando insieme ai carabinieri di ricostruire gli spostamenti del 64enne, che è sempre rimasto sull’isola. Per la 25enne siamo più tranquilli. È stata molto coscienziosa». 

La ragazza fa parte dei giovani che nei giorni scorsi hanno deciso di rientrare in Sicilia dal Nord. Circa una settimana fa ha lasciato la Lombardia. «Ha utilizzato guanti e mascherina durante tutto il viaggio di rientro. Anche durante il viaggio in aliscafo ha mantenuto le distanze dagli altri passeggeri, che per fortuna erano già meno rispetto al normale traffico. Al porto i suoi familiari le hanno fatto trovare l’auto con le chiavi al suo interno ed è andata ad abitare da sola in una casa di proprietà della famiglia. E li è rimasta in quarantena». 

A Salina così come nelle altre isole dell’arcipelago «sono stati attivati i controlli allo sbarco dei passeggeri presso il porto da parte di carabinieri, polizia municipale e guardia costiera e - prosegue - Dopo la nuova ordinanza del presidente della Regione siamo in grado di monitorare tutte le partenze e gli arrivi grazie alla autocertificazione che ognuno di noi deve fornire al momento dell'emissione del titolo di viaggio». Gli isolani stanno seguendo le regole dettate dal governo. «Siamo relativamente tranquilli - spiega a MeridioNews Alessandra Pirera, che gestisce un’agenzia turistica a Salina - Più preoccupati per il 64enne che è stato portato a Messina che per la ragazza. Perché quest’ultima anche tramite Facebook ha rassicurato tutti noi dicendo di aver adottato le necessarie misure di sicurezza per evitare il contagio con gli altri». L’uomo non ha nessuna correlazione con la ragazza. «Abitano anche in due zone diverse. Temiamo quindi che quest’ultimo durante le sue normali attività quotidiane possa essere entrato in contatto con qualcun altro ed essere stato contagiato». L’operatrice turistica racconta di aver ricevuto «disdette da marzo fino a giugno».

A Lipari i residenti sono stati protagonisti di un gesto concreto per dire grazie a chi ogni giorno è in prima linea per combattere il coronavirus. Hanno realizzato un cuore colorato come l’arcobaleno e lo hanno fatto trovare sulla fiancata dell’ambulanza in servizio nell’isola eoliana e al pronto soccorso dell’ospedale. All’interno del cuore colorato le scritte «grazie di tutto» e «restiamo a casa». Un attestato di affetto che ha riempito i cuori degli operatori del 118 e del personale dell’ospedale di Lipari. «Non ce lo aspettavamo - spiegano dal personale del 118 - è stata una vera sorpresa. Non sappiamo nemmeno chi sia stato. Lo abbiamo trovato ieri mattina incollato sulla fiancata sinistra, dove si siede l’autista. È bello sapere che la gente capisce quanto sia importante e rischioso il nostro lavoro. L’invito - ricordano - è quello di restare a casa. Solo così usciremo da questa emergenza».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

MeridioKids, la rubrica per i più piccoli

Un modo per creare comunità in questo periodo senza socialità. Nasce per questo MeridioKids, la rubrica di MeridioNews pensata per la quarantena di grandi e piccini. Istruttori di discipline sportive, artisti, disegnatori, animatori, pasticceri, maghi. A ognuno abbiamo chiesto di pensare un'attività o un gioco ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews