Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Caltanissetta, quattro nuovi contagi da Coronavirus
Protocollo con Agrigento per scambio di pazienti gravi

Sono tre i tamponi che hanno dato esito positivo tra i 21 effettuati nelle ultime 48 ore all'ospedale Sant'Elia. Siglato un protocollo tra le due Asp che consentirà di canalizzare i pazienti Covid-19 negli ospedali di Gela e Caltanissetta

Alberto Sardo

Foto di: Ennio Riccobene

Foto di: Ennio Riccobene

Sono tre i tamponi che hanno dato esito positivo tra i 21 effettuati nelle ultime 48 ore all'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta. A risultare contagiati dal coronavirus sono il paziente di Licata che era stato trasportato al Sant'Elia la notte scorsa in condizioni critiche tanto da essere ricoverato in Terapia intensiva respiratoria. Positivo anche il tampone sul paziente di San Cataldo di 32 anni che si trova adesso ricoverato nel reparto di Malattie Infettive e manifesta una leggera dispnea. Sono state adottate tutte le misure previste per l'isolamento di familiari e contatti dell'uomo.

Infine è risultato positivo al coronavirus anche un collega d'ufficio del paziente defunto mercoledì a Caltanissetta. Si trova in isolamento domiciliare con una leggera sintomatologia. In serata sono pervenuti all'Asp di Caltanissetta anche dieci tamponi negativi dei 21 di cui complessivamente si attendeva l'esito. Domani sarà fatto il punto in attesa dei test non ancora pervenuti.

Il lavoro per i sanitari degli ospedali Sant'Elia di Caltanissetta e Vittorio Emanuele di Gela è cresciuto in modo costante negli ultimi giorni. Domenica mattina nel frattempo l'esito è arrivato per tre pazienti, di cui due ricoverati al Sant'Elia e uno in isolamento domiciliare: questi ultimi sono tutti negativi al Covid-19. Uno è un cittadino pachistano che era stato prelevato dalla sua abitazione dai sanitari del 118 muniti di tute anti contaminazione. Scene che si ripetono ormai quotidianamente e che spesso vengono immortalate dalle fotocamere degli smartphone dei vicini e finiscono per alimentare la paura nei tanti gruppi whatsapp dove si diffondono in modo virale. 

Fino a oggi e prima delle nuove notizie arrivate nella tarda serata, in provincia di Caltanissetta i casi accertati di contagio da coronavirus erano due. Il primo è il biologo 58enne di Caltanissetta deceduto mercoledì scorso all'ospedale Sant'Elia per un'insufficienza cardio respiratoria causata da una grave polmonite e il secondo è un cittadino di Niscemi ricoverato nel reparto di Malattie Infettive dell'ospedale di Caltagirone e la cui positività è emersa oggi. Nel primo caso i colleghi e i familiari del 58enne sono stati posti in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva da parte dell'Asp. Per il dirigente dell'ufficio in cui lavorava il paziente deceduto, il tampone ha dato esito negativo. Per i familiari ed i contatti del paziente di Niscemi positivo al Covid-19, l'Asp di Caltanissetta ha avviato le procedure epidemiologiche e la sorveglianza attiva.

A questi casi si aggiunge la dottoressa di Sciacca, la prima contagiata di quel focolaio che desta molta preoccupazione, trasferita al Sant'Elia dov'è ricoverata in condizioni stabili nel reparto di Malattie Infettive. Nella provincia di Agrigento, infatti, non sono ancora stati attivati i reparti di Malattie Infettive e Pneumologia e questo ha indotto le due Asp di Agrigento e Caltanissetta a siglare un protocollo operativo che consentirà di canalizzare i pazienti Covid-19 negli ospedali di Gela e Caltanissetta, mentre i pazienti del Nisseno, che per altre patologie necessitano di Terapia intensiva respiratoria, verranno trasferiti negli ospedali di Agrigento e Sciacca. 

«Il protocollo d’intesa – si legge nel documento - è finalizzato a ottimizzare l’allocazione dei pazienti Covid-19 e Non-Covid-19 con particolare riferimento alla terapia intensiva. Le due aziende si impegnano vicendevolmente. L’Asp di Caltanissetta prenderà in carico i pazienti Covid-19 meritevoli di ricovero in Terapia Intensiva provenienti dall’Asp di Agrigento presso i reparti dell’Asp di Caltanissetta destinati ai pazienti affetti da Covid 19». 

Insomma uno scambio per ottimizzare i posti letto disponibili. L'azienda sanitaria nissena in particolare mette a disposizione otto posti di Terapia Intensiva al Sant'Elia riservati ai pazienti Covid-19 (casi sospetti e casi confermati, ndr.) e altri otto posti a Gela. I posti letto di Terapia Intensiva per le altre patologie sono rispettivamente otto a Caltanissetta, otto ad Agrigento e otto a Sciacca. I pazienti di Gela sono stati già trasferiti ad Agrigento. Da venerdì intanto è attivo a Caltanissetta il pronto soccorso per i pazienti infettivi. Il manager dell'azienda sanitaria, Alessandro Caltagirone, ha sospeso le attività del reparto Pet-Medicina nucleare che si trova in una palazzina separata dal corpo principale dell'ospedale. Nella stessa palazzina si trova il reparto di isolamento di Malattie infettive. Poichè nel reparto Pet-Tac sono presenti posti letto a pressione negativa e al contempo tutti i casi sospetti di Covid-19 necessitano di Tac, l'istituzione del Pronto soccorso infettivologico ha consentito di creare un percorso completamente autonomo e separato dagli altri reparti dell'ospedale nisseno con percorsi esclusivi, squadre dedicate di medici, tecnici, infermieri e operatori sanitari. 

«Dalla sua attivazione sono stati effettuati 11 tamponi e 3 tac - spiega il direttore generale dell’Asp, Alessandro Caltagirone -. Alcuni pazienti sono stati mandati a casa perché le condizioni di salute non necessitavano di ricovero». La soluzione adottata dall'azienda consente di evitare lo spostamento di pazienti all'interno dei reparti, ad esempio la Radiologia, con tutto ciò che ne conseguiva in termini di sanificazione dei locali e impiego di personale in reparti contemporaneamente operativi per tutti gli altri pazienti. «Stiamo sfruttando una singolarità straordinaria che è quella di avere nello stesso plesso (Palazzina B) il reparto di Malattie Infettive e quello PET-Medicina Nucleare». 

Negli ospedali di Gela e Caltanissetta a partire da questa settimana saranno attivi i laboratori per l'analisi dei tamponi. Questo consentirà di abbattere i tempi per la diagnosi, essendo autonomi da Palermo, e conseguentemente i ricoveri dei casi sospetti che per precauzione vengono trattenuti in ospedale.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews