Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Covid-19, l'Anci a tutela dei dipendenti comunali
«Sindaci lascino a casa chi ha patologie pregresse»

L'associazione che rappresenta i Comuni dell'isola incentiva all'attivazione di forme di tele-lavoro. «Dove non è possibile, vengano concesse le ferie. Va ridotto il personale», dichiara il vicepresidente Paolo Amenta

Simone Olivelli

Foto di: Entilocali online

Foto di: Entilocali online

«Bisogna alleggerire gli uffici, garantendo soltanto i servizi essenziali. Il virus si sta diffondendo e la salute va messa al primo posto». Le disposizioni sono chiare e riguardano gli enti locali di tutta l'Isola. A farsi portavoce è Paolo Amenta, vicepresidente di Anci Sicilia. L'associazione di riferimento dei Comuni ribadisce come la linea da seguire anche per le amministrazioni locali sia quella del tele-lavoro laddove possibile. In alternativa vanno concesse le ferie

La pubblica amministrazione sta reagendo con tempi diversi alle prescrizioni disposte dal governo nazionale nel tentativo di contenere l'epidemia da Covid-19 ed evitare che il sistema sanitario nazionale collassi. Mentre gli uffici della Regione Siciliana hanno chiuso e avviato formule di smart working, i Comuni si stanno mostrando più lenti. In qualche caso, l'invito ai dipendenti, anche affetti da altre patologie pregresse e per questo categorie maggiormente a rischio, è stato quello di andare al lavoro rispettando la distanza di sicurezza. «Chi ha già altre patologie deve assolutamente rimanere a casa - sottolinea Amenta a MeridioNews -. Altre misure non valgono, neanche se si lavorasse isolati. I sindaci hanno il dovere di adottare tutte le precauzione necessarie per tutelare il personale».

Il vicepresidente di Anci Sicilia sottolinea come per molti uffici il tele-lavoro sia una soluzione a portata di mano. «Chi opera su portali informatici già nel quotidiano può proseguire a farlo da remoto, dimostrando la produttività all'ente che deve a sua volta assumersi le relative responsabilità, ufficializzando l'attivazione dello smart working», spiega. Nei casi in cui ciò non fosse possibile, allora la permanenza a casa deve passare dalle ferie. «Bisogna capire come verranno interpretate questi riposi dallo Stato, ma per questo dovremo attendere i futuri provvedimenti del governo. Per adesso - ribadisce - l'unica cosa che conta è limitare la diffusione dei contagi». Sospesi gli orari di ricevimento al pubblico. «Bisogna garantire i servizi essenziali, ma soltanto attraverso le prenotazioni», conclude. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews