Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Covid-19, l'ansia di chi lavora nei grandi poli industriali
«Qui è difficile stare a un metro, va ridotta produzione»

Tra i luoghi che più destano pensiero in questi giorni di inviti a restare a casa c'è il petrolchimico di Siracusa. «Quotidianamente arrivano migliaia di persone, c'è apprensione», racconta a MeridioNews il segretario della Cgil Roberto Alosi

Simone Olivelli

Foto di: atlante italiano dei conflitti ambientali

Foto di: atlante italiano dei conflitti ambientali

«Non c'è ancora aria di scioperi, ma la preoccupazione c'è e la situazione è in continuo divenire. Non si può escludere nulla». Mentre sulle pagine dei quotidiani nazionali rimbalzano le notizie sulla tensione crescente negli stabilimenti industriali in diverse parti d'Italia, dove gli operai temono di essere esposti al contagio da Covid-19. In Sicilia sono in molti i luoghi in cui ogni si affollano tantissimi lavoratori, anche in questi giorni in cui l'invito del governo è quello di restare a casa. I decreti fin quei emanati, però, non hanno riguardato le attività produttive.

Nel quadrilatero industriale siracusano, questa mattina, più di un'azienda ha chiesto ai propri dipendenti di non varcare i cancelli. Nei luoghi simbolo delle grosse multinazionali del settore petrolchimico, lavorano praticamente tutto l'anno moltissime aziende che si aggiudicano i lavori di manutenzione dei macchinari. Un flusso costante di persone che, considerata l'emergenza sanitaria, desta preoccupazione. «I decreti del governo hanno attuato una stretta sempre maggiore, ma nel settore industriale queste decisioni al momento non hanno efficiacia - dichiara a MeridioNews Roberto Alosi, segretario della Cgil a Siracusa -. E non solo perché la diffusione di mascherine per ora è ridotta al lumicino».

Alosi pone un problema specifico. «Da settimane si parla giustamente della necessità di rispettare la distanza interpersonale - continua il sindacalista -. Ma bisogna dire che, in certi casi, per chi lavora dentro gli stabilimenti è impossibile materialmente rispettarla». L'invito alle forme di lavoro agile o a distanza è applicabile solo per certe categorie. «Gli amministrativi e chi è impiegato nell'area tecnico-ingegneristica può farlo, e ci risultano già casi in cui si sta lavorando a distanza - spiega Alosi - ma per il resto, per gli operai, la situazione è complicata e desta preoccupazione».

Il sindacato ha chiesto un confronto con prefettura e mondo imprenditoriale. Stavolta più che attorno a un tavolo si dovrà parlare inevitabilmente in conference-call. «Non è importante il mezzo, ciò che conta è che si faccia. Da parte nostra crediamo che in questo preciso momento l'unica cosa da fare - conclude - sia rallentare la produzione, ridurla al minimo, così da prevedere un flusso di lavoratori decisamente più basso».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews