Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Coronavirus, cosa fare se si sospetta il contagio
Le regole da seguire per chi presenta i sintomi

Non andare al pronto soccorso né alla guardia medica né dal proprio medico di base. Bisogna solo usare il telefono e attenersi alle indicazioni fornite dal personale qualificato. Cosa deve fare chi teme di avere contratto il Covid-19

Redazione

Il decreto #Iorestoacasa, firmato ieri sera dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte, stabilisce anche cosa deve fare chi sospetta di avere contratto il coronavirus. L'indicazione è molto semplice e ricalca in tutto e per tutto quanto ripetuto in queste settimane dal ministero della Salute, dagli assessori regionali alla Sanità e dalle Aziende sanitarie e ospedaliere. «Ai soggetti con sintomatologia da infezione respiratoria e febbre (maggiore a 37,5 gradi) è fortemente raccomandato di rimanere nel proprio domicilio e limitare al massimo i contatti sociali, contattando il proprio medico curante».

Non bisogna, dunque, né recarsi al pronto soccorso né andare dal proprio medico di base o alla guardia medica. Se si sospetta, o semplicemente si teme, di avere contratto il Covid-19, bisogna usare il telefono. Se il medico generico non dovesse riuscire a rispondere per tempo alla chiamata, la Regione Siciliana ha creato un numero verde che è stato messo a disposizione di tutti i cittadini: 800 458787. Sarà il personale che risponderà a indicare ulteriori contatti telefonici utili o a spiegare al cittadino quale comportamento tenere.

Nel caso in cui i sintomi del cittadino, i contatti che esso ha avuto, il luogo in cui risiede o lavora, dovessero destare sospetti, la palla passa all'Azienda sanitaria provinciale del territorio di riferimento. È bene precisare che ogni cittadino che è risultato positivo al coronavirus ha compilato una lista delle persone che ha incontrato e ha spiegato al personale sanitario i luoghi che ha frequentato dal momento in cui ha manifestato i primi sintomi. A Catania l'Asp si è occupata di raggiungere telefonicamente queste persone e metterle in quarantena domiciliare se asintomatiche. Nel caso in cui qualcuno di loro abbia manifestato sintomi durante o prima dell'isolamento imposto, è stato eseguito il tampone orofaringeo per verificarne la positività al test.

Il tampone viene eseguito, in casa, solo sulle persone che presentino sintomi compatibili con il coronavirus (su tutti: febbre e tosse) o su quelle che abbiano avuto contatti diretti con i Covid-19 positivi o che svolgano lavori particolarmente delicati. Quest'ultimo, per esempio, è il caso dei lavoratori dell'Azienda sanitaria provinciale in servizio negli stessi luoghi in cui due colleghi sono risultati positivi. O quello dei due medici in servizio nell'ospedale di Enna e in quello di Sciacca, anche loro contagiati dal virus. Ai positivi, infine, è fatto divieto assoluto di mobilità dalla propria abitazione o dimora qualora è lì che debbano trascorrere il periodo di «isolamento domiciliare fiduciario», che dura 15 giorni.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

MeridioKids, la rubrica per i più piccoli

Un modo per creare comunità in questo periodo senza socialità. Nasce per questo MeridioKids, la rubrica di MeridioNews pensata per la quarantena di grandi e piccini. Istruttori di discipline sportive, artisti, disegnatori, animatori, pasticceri, maghi. A ognuno abbiamo chiesto di pensare un'attività o un gioco ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews