Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Depuratore Dittaino: danno da 4,9 milioni di euro 
In trent'anni non ha mai funzionato, 11 denunce

È stata condotta dalla guardia di finanza di Enna l'indagine che ha portato Rup, progettisti, direttore dei lavori, commissione di collaudo e commissario ad acta del Consorzio Asi a essere denunciati per falso in atto pubblico e frode. Guarda il video

Marta Silvestre

Non sono bastati 15 milioni di euro e trent’anni di tempo per far funzionare i depuratori dell’area di sviluppo industriale di Dittaino, in provincia di Enna. È quanto emerso a conclusione di una laboriosa indagine condotta dai militari del gruppo della guardia di finanza di Enna - coordinati dalla locale procura della Repubblica, con a capo Massimo Palmeri - riguardante la riconversione dell’impianto di depurazione già esistente presso il Consorzio Asi di Enna.

Il progetto della ristrutturazione dell’impianto consortile, che doveva raccogliere e depurare sia i reflui provenienti dalla zona industriale di Dittaino (reflui industriali) che i reflui provenienti dal Comune di Valguarnera (reflui civili), era stato ammesso ai finanziamenti del Programma operativo del Fondo europeo per lo sviluppo regionale (Fesr) - fondi strutturali relativi alla programmazione 2007-2013. I lavori di riconversione e ripristino dell’impianto esistente, iniziati il 18 marzo del 2009, dovevano concludersi in 242 giorni consecutivi, risultavano caratterizzati, fin dalle primissime fasi, da notevoli carenze progettuali, superficialità istruttoria e modalità d’intervento scarsamente efficaci.

A causa di una serie di motivazioni (tra le quali, la mancanza di autorizzazioni, multiple perizie di varianti, sospensioni di varia natura) i lavori si protraevano sino al 9 novembre 2012 e le opere venivano collaudate, con esito positivo, solo il 21 settembre 2013, nonostante gli impianti risultavano non funzionanti e inefficienti, per mancanza di canali di adduzione dei reflui all’impianto di depurazione. «Appare singolare - si legge nel comunicato delle fiamme gialle - la circostanza per cui, il progetto, concepito per l’avvio degli impianti consortili di depurazione mediante la riconversione dell’impianto esistente e la costruzione dei collettori fognari, a distanza di sette anni dal collaudo finale non sia mai entrato in funzione». Stessa sorte era toccata anche ai due impianti pre-esistenti, realizzati e collaudati negli anni ottanta e mai messi in funzione. Neanche l’avvenuta riconversione, con una ulteriore spesa dell’importo pari a circa 5 milioni di euro, è riuscita, sinora, a consentire l’avvio dell’impianto consortile.

L’opera infrastrutturale nel suo complesso, ove si considerino anche i lavori inerenti il funzionamento del sistema di convogliamento dei reflui dal Comune di Valguarnera (in provincia di Enna) all'impianto di depurazione di Dittaino, è stata finanziata complessivamente per oltre 15 milioni di euro. La complessa attività di indagine condotta dalle fiamme gialle del provinciale di Enna, coordinata dai sostituti procuratori Salvatore Interlandi e Daniela Rapisarda, ha fornito un chiaro excursus dell’intera vicenda, facendo emergere gravi responsabilità penali relativamente alle ripetute lacune, tra cui la mancata acquisizione di nulla osta e pareri preventivi alla realizzazione delle opere, che hanno portato alla progettazione e realizzazione di un impianto di depurazione, costato alla comunità quasi 5 milioni di euro e mai reso operativo e funzionale.

Le criticità rilevate offrono un quadro disarmante di tutta la vicenda, da ascrivere alla condotta illecita tenuta dai soggetti tecnicamente, e giuridicamente, preposti alla realizzazione delle varie fasi del progetto i quali, dopo aver consentito l’avvio dei lavori, non hanno - in relazione alle specifiche funzioni e competenze - operato e/o vigilato affinché venissero posti in essere tutti gli adempimenti necessari alla completa realizzazione dell’opera ed al regolare funzionamento del progetto. A prescindere delle iniziative intraprese nel tempo nel tentativo di pervenire al funzionamento dell’impianto, l’opera non è mai entrata in uso determinando il mancato rispetto dei requisiti di ammissibilità al Programma operativo del Fondo europeo per lo sviluppo regionale 2007/2013 e l’impossibilità di certificare la spesa all'autorità regionale preposta, per cui la copertura finanziaria dell’intervento è gravata interamente sulle risorse nazionali di cui alla delibera Cipe 84/2000.

Alla luce delle condotte rilevate, i militari della Guardia di Finanza hanno proceduto a segnalare alla locale autorità giudiziaria undici persone, tra tecnici e funzionari pubblici che nel tempo hanno rivestito le cariche di Rup, progettisti, direttore dei Lavori, componenti la commissione di collaudo e di commissario ad acta del Consorzio Asi della provincia di Enna, in quanto ritenuti responsabili a vario titolo dei reati di falsità in atto pubblico e frode nelle pubbliche forniture. I medesimi soggetti venivano altresì segnalati alla procura regionale della Corte dei Conti, per le responsabilità amministrative scaturenti dalle gravi e ripetute anomalie riscontrate e dalla mancata funzionalità dell’opera, quantificando il danno erariale cagionato alla Regione Sicilia in 4.935.370,12 euro, rappresentati dal totale delle somme effettivamente erogate.

(Fonte: comando provinciale della guardia di finanza di Enna)

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews