Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Coronavirus, Razza fa il punto sui nuovi casi in Sicilia
«Soltanto tre ricoverati, ma non in terapia intensiva»

L'assessore regionale parla di sette casi accertati e tre nuove positività emerse oggi su cui si attende la conferma da Roma. Nessuno desta preoccupazione. «Consultate il medico di famiglia ma non andateci in studio», l'appello

Miriam Di Peri

Sette casi di contagio già accertati in Sicilia e che hanno avuto riscontro positivo da parte dell'Istituto superiore di Sanità, ai quali si aggiungono tre nuovi casi di contagio accertati dai laboratori dei Policlinici di Palermo e Catania, che restano in attesa del riscontro da parte dell'Iss. Questo quanto riferito stasera dall'assessore regionale alla Salute Ruggero Razza. 

Un nuovo punto stampa è stato predisposto questa sera da Palazzo d'Orleans per mettere ordine nel numero dei pazienti contagiati da coronavirus in Sicilia. Razza ha precisato che dei sette casi comunicati dalla protezione civile nazionale (tre a Palermo, tre a Catania e uno a Ragusa) soltanto due si trovano in ricovero ospedaliero, ma non in terapia intensiva. A questi si aggiungono tre nuovi casi, due dei quali accertati dal laboratorio del Policlinico di Catania e uno da quello di Palermo, su cui ancora si attende appunto il riscontro dall'Istituto superiore di sanità. Solo uno di questi nuovi casi è stato ricoverato. In totale quindi i ricoverati sono tre.

Dei tre casi catanesi già accertati dall'Istituto superiore di sanità, uno riguarda una professionista tornata da Milano (già guarita, ma sui suoi spostamenti sarebbero in corso accertamenti), mentre un altro riguarda una persona rientrata dalla Germania, passando dalla Lombardia. Si è presentato all'ospedale Cannizzaro con lievi sintomi di raffreddore, gli è stato fatto il tampone, è risultato positivo, ma non desta alcuna preoccupazione e sta trascorrendo la quarantena a casa.

Il nuovo caso riscontrato a Palermo e su cui si attende il riscontro da Roma sarebbe un altro componente della comitiva bergamasca, ancora in quarantena all'hotel Mercure, il cui stato di salute continua ad essere monitorato quotidianamente. Per quanto riguarda i tamponi, invece, sono stati realizzati più di 300 prelievi: «Un dato - ha sottolineato Razza - che vede la Sicilia nel rapporto tra tamponi e casi sospetti in linea con quelli effettuati nelle altre regioni più lontane da casi di contagio».

E ancora, a proposito del calo di accessi nei Pronto soccorso dell'Isola, il primo inquilino di Piazza Ottavio Ziino a Palermo ha sottolineato come i cittadini abbiano «capito che non bisogna andare al pronto soccorso. Segno che quando si parla di accessi inappropriati nei pronto soccorso tante volte si dice la verità».

L'invito dell'assessore è ancora una volta alla prudenza: «I cittadini devono avere un contatto diretto col proprio medico di famiglia. In caso di sospetti sintomi ricordiamo però, ancora una volta, di consultare il proprio medico di famiglia o pediatra per via telefonica, non bisogna recarsi fisicamente in studio. È stata elaborata una scheda di triage telefonico validata dal ministero della Salute per la valutazione iniziale. Esattamente come avviene per i Pronto soccorso, vanno preservate le aree di contagio degli studi medici di famiglia».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

MeridioKids, la rubrica per i più piccoli

Un modo per creare comunità in questo periodo senza socialità. Nasce per questo MeridioKids, la rubrica di MeridioNews pensata per la quarantena di grandi e piccini. Istruttori di discipline sportive, artisti, disegnatori, animatori, pasticceri, maghi. A ognuno abbiamo chiesto di pensare un'attività o un gioco ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews