Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Arpa, la situazione dell'agenzia dopo il caso Vazzana
Alla guida un dirigente nominato da quello destituito

Dopo che il tribunale del lavoro ha dichiarato illegittima la nomina fatta nel 2017 dall'ex assessore Maurizio Croce, il timone passa a Vincenzo Infantino. A sua volta indicato proprio da Vazzana. «Ma la validità di quell'atto non è in discussione», assicura

Simone Olivelli

Foto di: palermo today

Foto di: palermo today

«La volontà è quella di dare seguito a ciò a cui si stava lavorando. L'importante è ripartire, perché il nostro ruolo è fondamentale». A parlare è Vincenzo Infantino, da poche settimane dirigente generale facente funzioni di Arpa, l'Agenzia regionale per la protezione dell'ambiente. Un incarico arrivato dopo che il tribunale del lavoro di Palermo ha dichiarato illegittima la nomina di Carmelo Vazzana. In attesa dell'esito del ricorso presentato da quest'ultimo, l'assessorato regionale al Territorio ha chiesto alla stessa Agenzia regionale per la protezione dell'ambiente di guardare al proprio interno per scegliere a chi affidare il timone dell'ente.

La scelta è ricaduta su Infantino per ragioni di anzianità e richiama il regolamento di Arpa, nella parte in cui si sottolinea che «in caso di assenza o impedimento del direttore generale» le funzioni sono svolte, in assenza di deleghe specifiche, dal direttore più anziano di età. «Considerato che Vazzana ha fatto ricorso, la sua può essere ritenuta un'assenza temporanea», commenta Infantino. Regolamento alla mano l'assessorato al Territorio, da cui Arpa dipende, avrebbe dovuto provvedere a nominare un commissario in caso di un'assenza superiore ai sei mesi. «Non so quale sia la volontà dell'organo di controllo (l'assessorato, ndr), da parte mia finché sarò dirigente generale cercherò di fare il mio meglio - continua Infantino -. Compreso ciò che c'è da fare per quanto riguarda le nuove assunzioni».

La questione dell'organico ridotto è finita al centro dell'attenzione della politica regionale che ha deciso di dare il via libera affinché l'ente che si occupa di monitorare l'ambiente possa ampliare il proprio organico. «Dovremo poter contare su 95 nuove unità, di cui il 45 per cento riservato al personale interno», specifica Infantino. Il giudizio sull'operato di Vazzana - nei confronti del quale il tribunale si è espresso dichiarando che la sua nomina da parte dell'ex assessore Maurizio Croce era stata giustificata con «requisiti professionali assai blandi» - resta positivo. «Andrò avanti nelle tante cose che l'amministrazione stava facendo per rendere efficiente questa agenzia», aggiunge Infantino.

Nella sentenza che ha portato alla sospensione di Vazzana, per il quale il 2020 è iniziato con una condanna erariale in Calabria da quasi 688mila euro, si specifica che oltre alla nomina vanno giudicati illegittimi tutti gli atti a essa consequenziali. Un passaggio che potrebbe far pensare che tra questi ci sia anche la stessa nomina di Infantino a direttore tecnico, fatta da Vazzana a inizio 2018 dopo che la precedente designazione, a firma dell'allora dirigente generale di Arpa Francesco Licata Di Baucina, era stata bloccata perché disposta sotto campagna elettorale. Infantino, tuttavia, lo esclude. «Vazzana ha firmato centinaia di atti in questi anni - commenta l'attuale dirigente -. Sarebbe assurdo immaginare di ritenerli nulli. In giurisprudenza esiste la figura del funzionario di fatto, per cui gli atti predisposti da qualcuno, anche nel momento in cui viene annullata la sua nomina, restano efficaci».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

MeridioKids, la rubrica per i più piccoli

Un modo per creare comunità in questo periodo senza socialità. Nasce per questo MeridioKids, la rubrica di MeridioNews pensata per la quarantena di grandi e piccini. Istruttori di discipline sportive, artisti, disegnatori, animatori, pasticceri, maghi. A ognuno abbiamo chiesto di pensare un'attività o un gioco ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews