Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Coronavirus, Musumeci parla ai siciliani su Facebook
«Solo se saremo prudenti ora, salveremo il turismo»

Il governatore è tornato a parlare della gestione dell'epidemia. Dure parole contro politici a caccia di trafiletti sui giornali e chi specula sulle parole espresse ieri in conferenza stampa. «Nessun coprifuoco, bisogna seguire gli scienziati»

Simone Olivelli

«Prudenza, prudenza, non paura». Nello Musumeci torna a parlare di coronavirus e lo fa rivolgendosi direttamente ai siciliani, con una diretta Facebook iniziata intorno alle 20.30. Una scelta non motivata ma che fa pensare inevitabilmente a quanto accaduto ieri in conferenza stampa, quando la risposta a una domanda sulla gestione dei turisti ha innescato una polemica legata all'invito a chi viene dal Nord a non recarsi in Sicilia. 

Il presidente della Regione difende la propria posizione e non torna indietro, anche se cerca di chiarire quanto, a suo dire, non è stato compreso. «Dobbiamo puntare a una seria stagione turistica, ma se diventiamo una regione con un elevato numero di contagi allora la stagione turistica la perderemo per l'intero anno», dice. Musumeci assicura di non voler instillare timore in nessuno, ma di ragionare sul medio termine. «Mi hanno chiesto se mettere i turisti in quarantena - ricostruisce -. Ho risposto di no perché se arrivano da un paese diverso dall'emergenza non dovrebbero costituire un problema, ma se i turisti arrivano da una terra in cui si sono verificati i casi, se sono una comitiva devono comunicare la presenza all'Asp... sai che vacanza. Se invece non hanno organizzato la gita, allora la rimandino di qualche settimana. Perché tra qualche settimana questo fenomeno sarà, spero, un triste ricordo». 

Musumeci fa riferimento al periodo in cui l'emergenza coronavirus è iniziata. «Ancora siamo in bassa stagione. Il problema è se arrivano diecimila turisti da zone contagiate», va avanti. Il governatore, poi, rassicura come finora tutto ciò che è stato fatto risponde alle richieste del governo nazionale. «Non abbiamo esperienza di epidemie del genere. Quello che non sapevamo lo abbiamo imparato facendolo, in Sicilia, nel resto d'Italia e nel mondo - attacca -. La parola d'ordine era prudenza, e ci siamo riusciti almeno finora. Il focolaio è circoscritto, sappiamo la genesi».

Non mancano le critiche, specialmente in tema di controlli. «Abbiamo chiesto allo Stato di predisporre personale negli aeroporti, nei porti, nello Stretto di Messina dove sbarcano tutti i treni e nei servizi di autolinea - sottolinea -. Nessun controllo, anzi un parziale controllo perché da quello che ci dicono alcune volte hanno fatto i controlli sui passeggeri da Roma che non è in emergenza, altre volte da Milano, nei porti pressoché niente». Il concetto che torna più di una volta è la responsabilità sulla salute dei cittadini. «Una persona che proviene dalle zone colpite deve essere messa nelle condizioni di salvaguardare la propria salute. Qual è il compito di un governatore se non quello di tutelare la salute dei cittadini a qualunque titolo presenti in Sicilia?. Me lo impone la legge, prima ancora l'etica e la morale».

Essere guardinghi, ma non timorosi. «La seconda esigenza è evitare che la Sicilia appaia un deserto. Ho detto andiamo avanti secondo normalità, la vita non si ferma, prudenza non paura. Non chiudersi in casa, soprattutto dove non ci sono casi di particolare motivo d'allarme. Abbiamo il dovere di seguire gli scienziati». Durante la diretta non sono mancati gli attacchi a chi, a dire del presidente, ha strumentalizzato le sue frasi: «Se ci scappa il morto possiamo andare tutti via, basta con le speculazioni. Parlo anche con i colleghi politici in cerca di un trafiletto sui giornali. Smettetela di fare il tiro al piccione. State zitti e lasciatemi lavorare».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

MeridioKids, la rubrica per i più piccoli

Un modo per creare comunità in questo periodo senza socialità. Nasce per questo MeridioKids, la rubrica di MeridioNews pensata per la quarantena di grandi e piccini. Istruttori di discipline sportive, artisti, disegnatori, animatori, pasticceri, maghi. A ognuno abbiamo chiesto di pensare un'attività o un gioco ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews