Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Coronavirus, i timori della comunità cinese a Trapani
Tranchida: «Lavoriamo insieme per superare la crisi»

I negozianti del comprensorio hanno deciso di abbassare le saracinesche, dopo che la clientela è iniziata a tirarsi indietro. Il primo cittadino ragiona anche sull'esigenza di salvaguardare anche quella che definisce la prima industria della zona

Pamela Giacomarro

Le serrande degli empori cinesi restano chiuse a Trapani e nell’intera provincia. La fobia del coronavirus ha costretto i commercianti a prendere questa decisione. Dei circa venti negozi che insistono tra la città falcata ed Erice, solo in due restano aperti al pubblico. In crisi anche i ristoranti. Da quando la paura di una possibile epidemia si è diffusa, i clienti sono praticamente scomparsi

La notizia aveva cominciato a circolare ieri sul profilo Facebook di Sofia Wang, che gestisce un negozio di abbigliamento assieme al marito nella centralissima Via Fardella. «Insieme agli altri negozi cinesi di Trapani, Marsala, e Castellammare - si legge nel post - abbiamo deciso di chiudere momentaneamente a causa della ridotta quantità di clienti dovuta alla generale situazione di panico causato da virus, riapriremo quando la situazione si sarà calmata. Inizialmente era cominciata in Cina per questo sappiamo la gravità di questa situazione. Grazie per la vostra comprensione - continua - speriamo che tutto vada per il meglio». 

Tra i pochi che prova resistere c’è Yang, proprietario del grande magazzino Stella Store. «Per il momento non chiudiamo - ci dice - ancora qualche cliente da queste parti si vede. Ma se la situazione dovesse continuare a peggiorare saremo costretti ad abbassare le serrande pure noi». Un problema serio che investe anche i tanti italiani che lavorano all’interno di questi empori. A rischio i loro posti di lavoro, se la situazione in breve tempo non dovesse tornare alla normalità. E a essere preoccupati sono anche gli operatori del settore turistico che, ieri, hanno incontrato il sindaco Giacomo Tranchida per discutere delle gravi ripercussioni che l’attuale paura del virus potrebbe avere sulla stagione estiva.

«Mercoledì mattina - ha spiegato il primo cittadino - terremo un tavolo tecnico con le parti politiche e con le parti sindacali per discutere dei danni che cominceremo ad avere dal punto di vista anche economico. La maggiore industria che insiste sulla città e sul comprensorio trapanese è quella del turismo. Un danno di immagine spaventa le persone al di là di qualche infelice dichiarazione del presidente della Regione che non aiuta le persone», ha detto Tranchida.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews