Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Coronavirus, Musumeci chiede di aumentare i controlli
«Sarebbe meglio che i turisti del Nord non venissero»

«Se il focolaio fosse stato in Sicilia, ni nni putevamu scappari». A parlare è un presidente della Regione provato dalle tensioni di questi giorni. «Ho centinaia di esempi di persone che provengono dal Nord e che non sono state controllate da nessuno», lamenta

Miriam Di Peri

Foto di: miriam di peri

Foto di: miriam di peri

«Immaginate se il focolaio fosse stato in Sicilia, ni nni putevamu scappari», si lascia sfuggire il governatore a margine di una conferenza stampa convocata questa mattina a Palazzo d'Orleans per presentare il nuovo bando di Garanzia Giovani. È un Nello Musumeci provato dalla tensione di questi giorni, che non si nega alle domande dei cronisti, ma invita anche la stampa a non alimentare il panico.

«Nessuno vuole fare polemiche - prosegue lo sfogo - però, santo Dio, è possibile che la gente possa arrivare dal Nord e nessuno controlli? È mai possibile che due casi abbiamo avuto ed entrambi non fossero stati controllati al loro arrivo in Sicilia? Noi vogliamo potere dire "venite, la Sicilia è un posto sicuro". Ma per farlo, dobbiamo tenere altissimo il livello dei controlli. Sarebbe meglio che i turisti dal Nord Europa non venissero». Probabilmente un lapsus, mentre l'invito sembrava più riguardare il Nord Italia. Musumeci aggiusta poi il tiro, esorta al senso di responsabilità individuale e collettiva, chiede a chi sospetta di avere dei sintomi da coronavirus di restare a casa e chiamare i soccorsi. Ma, alla fine della fiera, il vero «aiutiamoli a casa loro», Nello Musumeci lo rivolge ai settentrionali più che ai migranti.

Senza nascondere, però, l'amarezza per lo sbarco delle 194 persone a bordo della Sea Watch a Messina. «Il governo di Roma - aveva commentato in una nota diffusa poco prima della conferenza stampa - ha respinto la nostra proposta, autorizzando a Messina lo sbarco dei migranti e il loro isolamento in un hotspot che le autorità sanitarie hanno dichiarato inadeguato allo scopo. È una decisione grave che non rispetta la dignità dei migranti e le preoccupazioni dei siciliani. Sarebbe stato più umano indirizzare la nave in un porto attrezzato e in un territorio lontano dalla emergenza sanitaria».

Nel corso della conferenza stampa, Musumeci ha tenuto a precisare che «la Sicilia non è una terra in cui non si può sbarcare, non si può atterrare, non si può arrivare in treno. Ma servono i controlli per i turisti, per i professionisti, per gli studenti, e anche per i migranti. Questo governo regionale - ha aggiunto - ha sempre avuto un atteggiamento sobrio sulle politiche legate ai migranti, però ci vuole anche senso di responsabilità».

Sulla gestione dello sbarco dei migranti, la posizione è stata chiara sin dal primo momento. «In una condizione di seria e diffusa preoccupazione, ritenevamo giusto che i migranti restassero a bordo della nave per la quarantena. Se la nave non fosse stata in condizione di ospitarli - aggiunge il governatore - allora si sarebbe potute trasferire nell'hotspot. Ma, poiché l'hotspot non è compatibile con le esigenze sanitarie in atto, il senso di responsabilità avrebbe dovuto indurre l'autorità nazionale a indicare un altro porto in territorio che non è in emergenza sanitaria - lamenta Musumeci - Dovreste leggere la dichiarazione dell'Asp di Messina dopo il sopralluogo. Molte volte il buonismo è una maschera per nascondere la più nera delle ipocrisie. Anche da parte di alcuni politici».

Ancora, a proposito dei controlli dei pendolari che arrivano dalle zone rosse e gialle, Musumeci ha ribadito di avere già avanzato la richiesta «al ministero della Sanità, così come in sede di Consiglio dei Ministri. La risposta è stata che le misure di controllo sono state tutte adottate. Io dico che non è così. Ho centinaia di esempi di persone che provengono dal Nord e che non sono state controllate da nessuno».

Leggi lo speciale di MeridioNews sul coronavirus

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews