Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Serie C, la Sicula Leonzio vince ancora
Pari a reti bianche tra Catania e Ternana

Terzo successo consecutivo per la squadra di mister Grieco che continua la sua rincorsa alla zona salvezza. A Monopoli la decide il gol dell’ex Lescano. Al Massimino invece finisce 0-0 con gli etnei che recriminano per un rigore fallito da Mazzarani

Luca Di Noto

Foto di: pagina Facebook Sicula Leonzio

Foto di: pagina Facebook Sicula Leonzio

Si è giocata nel pomeriggio la 27esima giornata del campionato di serie C, girone C. Le due squadre siciliane chiudono il turno con un bilancio di una vittoria e un pareggio. Allo stadio Angelo Massimino il Catania ferma sul pari a reti bianche un’altra big del campionato: la Ternana di mister Gallo. Per la truppa di Lucarelli è terzo risultato utile consecutivo, con gli etnei che salgono a quota 38 punti, all’ottavo posto in classifica. Una gara in cui i rossazzurri hanno pure il rimpianto di aver sciupato un rigore con Mazzarani. Prosegue invece il momento positivo della Sicula Leonzio che trova la terza vittoria consecutiva e continua la sua rincorsa alla zona salvezza. I bianconeri espugnano per 0-1 il campo del Monopoli (dove la settimana scorsa avevano battuto anche il Bisceglie con lo stesso risultato) e in classifica salgono a quota 22 punti, al quartultimo posto.

Al Massimino, dopo una buona partenza degli ospiti, i rossazzurri cominciano a collezionare occasioni soprattutto con Pinto e Biondi, che però sono imprecisi. Al 24esimo etnei vicini al gol con Di Molfetta, ma Iannarilli devia sul palo. Alla mezz’ora ottima chance per il Catania che potrebbe sbloccarla con un calcio di rigore concesso per fallo di Parodi su Pinto, ma Iannarilli respinge in corner il tentativo di Mazzarani. Si va all’intervallo sullo 0-0 e nel corso della ripresa Lucarelli prova a dare la scossa dalla panchina soprattutto con l’inserimento di Curcio. Al 78esimo grande chance per i rossazzurri con Beleck, lanciato a porta vuota, ma la chiusura di Bergamelli su di lui è provvidenziale. Nel finale altre due occasioni per i padroni di casa con Curcio e Calapai, ma il risultato non cambia e le squadre devono accontentarsi del pari.

Al Veneziani, in una gara dai ritmi non troppo sostenuti, partono meglio i siciliani, pericolosi con Grillo. I padroni di casa provano a reagire con Fella, ma le emozioni nel corso del primo tempo sono veramente poche, se si escludono un tentativo di Mercadante che dalla distanza termina di poco a lato, e un cross di Carriero allontanato da Ferrara. Nella ripresa i pugliesi provano ad alzare i ritmi e a spingere soprattutto sulla sinistra con Donnarumma. I biancoverdi vanno vicini al gol al 68’ con un colpo di testa di Arena respinto da Adamonis. Due minuti dopo, però, arriva l’episodio che decide il match in favore della Sicula Leonzio: Parisi avanza sulla destra e crossa in area, Lescano colpisce di testa in tuffo e mette in rete. I padroni di casa a questo punto cercano di spingere e provano il forcing finale. L’ultima occasione capita sui piedi di Rota che cerca Tsonev, ma la difesa siciliana tiene fino al triplice fischio e ottiene un successo di prestigio.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews