Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Coronavirus, negativi altri cinque test in Sicilia Orientale
Una donna ritorna da Codogno. Due famiglie in isolamento

La donna, una docente che lavora in Lombardia, è arrivata ieri a San Fratello. Non presenta sintomi, ma per via precauzionale le persone che sono entrate in contatto con lei rimarranno a casa. Al Policlinico di Catania tutti i tamponi sono negativi

Simone Olivelli

Proseguono gli esami clinici sui casi sospetti. Anche questa mattina al Policlinico di Catania si è lavorato ad altri cinque tamponi. I campioni erano stati prelevati a persone che presentavano una sintomatologia compatibile con l'infezione da Coronavirus. Stando a quanto verificato da MeridioNews, i cinque controlli sono risultati tutti negativi. Ieri erano stati otto i controlli effettuati, anche in quel caso tutti negativi. A conferma di come a oggi il virus non è stato diagnosticato in nessun individuo presente in Sicilia. 

Arriva, intanto, da San Fratello la notizia di una donna che è tornata ieri in Sicilia da Codogno, il centro lombardo da cui si pensa possa essere partita l'epidemia. La donna, che lavora come insegnante, ha lasciato il paese quando ancora l'area non era stata interdetta per decisione del Consiglio dei ministri. Partita da Bergamo, è arrivata a Palermo. «Non c'è stata nessuna malizia nel suo comportamento, aveva il viaggio già programmato e ha fatto ritorno a casa», dichiara a MeridioNews il sindaco di San Fratello Salvatore Sidoti.

Nel centro sui Nebrodi, due famiglie sono in autoisolamento volontario. «Si tratta di una misura precauzionale, la donna non presenta alcun sintomo. Le due famiglie hanno deciso di rimanere a casa, dopo essere entrate in contatto con lei», prosegue Sidoti. Del caso sono state informate le autorità e l'Asp. Al momento, però, non è previsto che la donna venga sottoposta al tampone. «Quando non ci sono sintomi, non è un passaggio obbligatorio - spiega il sindaco -. Continueremo a monitorare la situazione, ma siamo sereni».

Ai cittadini l'invito a seguire i suggerimenti forniti dal ministero della Salute (qui si può leggere e scaricare il decalogo). In presenza di sintomi influenzali sospetti (febbre, tosse, difficoltà respiratorie, dolori muscolari, stanchezza) e si è tornati da un viaggio in Cina da meno di 14 giorni, o si è stati a contatto con persone tornate dalla Cina da meno di 14 giorni, non bisogna andare personalmente al pronto soccorso, ma chiamare il medico di famiglia. In alternativa esistono due numeri da chiamare: il 1500 del ministero della Salute che risponde in più lingue, o il 112, numero unico d'emergenza attivo in tutta la Sicilia.

Il decalogo ministeriale è così articolato: 1) lavati spesso le mani; 2) evita il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute; 3) non toccarti occhi, naso e bocca con le mani; 4) copri bocca e naso se starnutisci o tossisci; 5) non prendere farmaci antivirali né antibiotici, a meno che siano prescritti dal medico; 6) pulisci le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcol; 7) usa la mascherina solo se sospetti di essere malato o assisti persone malate; 8) i prodotti Made in China e i pacchi ricevuti dalla Cina non sono pericolosi; 9) contatta il numero verde 1500 se hai febbre o tosse e sei tornato dalla Cina da meno di 14 giorni; 10) gli animali da compagnia non diffondono il nuovo coronavirus.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews