Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Rinnovabili, Tar restituisce autorizzazioni a Sun Power
La Regione ricorre al Cga contro ex società di Nicastri

Il tribunale amministrativo ha accolto la richiesta di sospensiva, rinviando a fine 2022 la trattazione nel merito del ricorso. Nei mesi scorsi il dipartimento all'Energia aveva decretato la decadenza dei permessi per costruire un impianto fotovoltaico nel Siracusano

Simone Olivelli

Foto di: Luisa Santangelo

Foto di: Luisa Santangelo

Sospeso il decreto di decadenza dell'autorizzazione unica emesso a settembre dalla Regione Siciliana nei confronti della Sun Power Sicilia. A pronunciarsi in tal senso è stato il Tar di Catania, che ha fissato a dicembre 2022 la trattazione nel merito del ricorso. L'impresa, che attualmente è totalmente controllata dalla Baywa R.E. Italia srl, a sua volta legata alla holding tedesca delle rinnovabili Baywa, è finita al centro delle cronache l'anno scorso per l'indiretto coinvolgimento nell'inchiesta su Vito Nicastri e Paolo Arata, e il ruolo avuto dal milanese Antonello Barbieri, per un lungo periodo titolare della Sun Power Sicilia.

La società - la cui ultima sede legale è stata registrata a Rovereto, in Trentino - negli anni scorsi ha ottenuto i permessi per realizzare un grande impianto fotovoltaico al confine tra Melilli e Carlentini, nel Siracusano. In un primo tempo il progetto riguardava un impianto termodinamico, ma poi l'idea è stata accantonata. In concreto c'è però che fino al 9 agosto scorso, giorno in cui i tecnici della Regione hanno effettuato un sopralluogo nell'area in cui dovrebbe sorgere l'impianto, nessun pannello era stato installato. E questo nonostante dieci mesi prima la stessa società avesse dichiarato imminente l'inizio dei lavori. 

La mancata realizzazione dell'opera è però soltanto uno dei motivi che ha portato il dipartimento all'Energia a decretare decaduta l'autorizzazione. A esso si aggiunge la mancata comunicazione delle molteplici modifiche negli assetti societari, a dispetto di quanto previsto dal protocollo di integrità sottoscritto tra le parti. È qui che entra in gioco l'inchiesta su Nicastri e Arata, e gli sviluppi investigativi che ne sono seguiti, compreso il coinvolgimento di Barbieri. Il 48enne milanese è stato l'ultimo a gestire la Sun Power Sicilia prima dell'ingresso di BayWa R.E. Italia, ma soprattutto è colui che, nel 2013, comprò la società dal tribunale di Trapani che, due anni prima, ne aveva affidato l'amministrazione a Nicola Ribolla. Il commercialista palermitano che ha gestito le società sequestrate quasi un decennio fa a Vito Nicastri.

Il motivo è presto detto: l'ex re dell'eolico, l'anno scorso condannato a nove anni per concorso esterno in associazione mafiosa e che nell'inchiesta sulla corruzione nelle rinnovabili ha patteggiato una pena a due anni e dieci mesi, fu il fondatore di Sun Power Sicilia. O meglio, di Sicilia e Sole. Questo, infatti, il nome che Nicastri scelse nel 2007 all'atto di costituzione in uno studio notarile di Alcamo. A scegliere di cambiare la denominazione fu poi proprio Ribolla, il giorno stesso in cui il tribunale subentrò nell'amministrazione della società. Leggendo a ritroso la storia della società si può dire che l'affetto di Nicastri verso la Sun Power Sicilia non si è mai interrotto. Nel 2018, l'imprenditore siciliano avrebbe tentato di rientrare in possesso della società sottraendola a Barbieri, e con l'aiuto di Arata, l'ex consulente della Lega. L'obiettivo però sfumò anche a causa di un errore marchiano.

Tornando all'attualità, la sospensiva del Tar rimette in mano alla società la possibilità di andare avanti nell'iter di realizzazione dell'impianto fotovoltaico. Uno scenario contro cui la Regione Siciliana ha già deciso di opporsi, presentando ricorso al Consiglio di giustizia amministrativa nel quale, tra i tanti rilievi, si ricorda che «i contratti stipulati dalla società in relazione ai suoli sono tutti di natura obbligatoria», cioè preliminari di costituzione di diritto di superficie che non consentirebbero la possibilità di «avviare opere di costruzione».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews