Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

L'aeroplano precipitato, autopsia su uno dei due corpi
I testimoni lo hanno visto ondeggiare prima di cadere

Le indagini sulla tragica morte dell'istruttore Stefano Baldo e dell'allievo Gioele Bravo sono affidate alla polizia di Lentini, ma gli accertamenti tecnici sono in mano all'Agenzia nazionale sicurezza volo che ha svolto i primi sopralluoghi

Salvo Catalano

«I relitti parlano». Il giorno dopo la tragedia dell'ultraleggero precipitato nelle campagne di Carlentini, inizia il lavoro di riscostruzione di quanto accaduto. Un'indagine non semplice che vede impegnati gli agenti del commissariato di polizia di Lentini, ma soprattutto gli ispettori dell'Agenzia nazionale per la sicurezza del volo. Spettano a questi ultimi, infatti, tutti gli accertamenti e le perizie su quanto resta dell'aeroplano Tecnam P2002 che, su disposizione della Procura di Siracusa, è stato sequestrato, compresa la documentazione di bordo. 

Distrutte le famiglie dell'esperto istruttore di volo Stefano Baldo, 53enne pilota di Alitalia, e dell'allievo 19enne Gioele Bravo. Quest'ultimo, originario di Aosta, si era trasferito da solo a Catania per diventare pilota seguendo proprio le lezioni di Baldo, che a sua volta era stato allievo del padre del giovane. Ieri sera i genitori di Gioele sono arrivati a Lentini. Intanto è stato disposto l'esame autoptico su uno dei due corpi, quello in migliore stato di conservazione. 

Nel pomeriggio di ieri i tecnici dell'Enac e dell'Agenzia nazionale sicurezza volo hanno effettuato i primi sopralluoghi. È certo che l'ultraleggero non ha scatola nera. L'unico modo per provare a capire cosa sia successo in quei terribili secondi, intorno alle 9 di ieri mattina, è analizzare quello che rimane del mezzo, a cominciare dallo stato dei comandi. 

Diversi testimoni, anche alcuni poliziotti del commissariato di Lentini che ieri mattina erano in servizio sul territorio, hanno visto l'aeroplano ondeggiare prima di perdere improvvisamente quota e schiantarsi al suolo, negli agrumeti di contrada Orto Nuovo. Non ci sarebbero state fiamme mentre il mezzo era ancora in volo, l'incendio che ha divorato lamiere e corpi si sarebbe sviluppato solo dopo l'impatto. Tuttavia, perché quei movimenti in cielo? Una tesi, non esclusa ancora dagli investigatori, è che il motore si sia improvvisamente spento. 

Stefano Arcifa, il presidente dell'Aeroclub Catania a cui le due vittime erano iscritte, non ne è affatto convinto. «Se il motore si fosse spento, ci sarebbe stato il modo di planare e salvarsi - spiega a MeridioNews - in quella zona ci sono prati e luoghi adatti per atterraggi di emergenza». Secondo Arcifa, invece, quei movimenti a destra e sinistra sono legati agli esercizi a cui sono sottoposti gli allievi, che sono chiamati a riprendere il mezzo simulando condizioni di difficoltà. «In quei momenti qualcosa deve essere andato storto», sospira il presidente del club con base a Fontanarossa.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews