Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

A19 interrotta, la Sais mette in campo i pullmini
«Il percorso sulle strade provinciali è indecente»

Al momento per andare da Palermo a Catania bisogna passare da Messina. Ma dopo la giornata infernale di ieri e per ovviare al divieto imposto ai mezzi sopra le 3.5 tonnellate, l'azienda di trasporti effettuerà tre corse al giorno con i pullmini a nove posti

Salvo Catalano

Arrivati alle cinque del pomeriggio, intrappolati da ore su una dissestata strada provinciale nel Nisseno, i passeggeri dell'autobus Palermo-Gela non ce l'hanno fatta più. Grazie alle automobili inviate dalla Sais autolinee, tre sono tornati indietro, a Palermo, e gli altri sono stati accompagnati a destinazione. Erano partiti alle 9 del mattino, sono arrivati a Gela circa nove ore dopo. 

Un'odissea dovuta a un incidente autonomo che ha coinvolto un camion lungo la provinciale 19. L'autotrasportatore ha perso il controllo del mezzo, verosimilmente non abituato a percorrere strade così strette, ed è finito di traverso. Nessuno è riuscito più a passare e si è formata una coda chilometrica di mezzi pesanti. Per ore sono stati impegnati vigili del fuoco, protezione civile, croce rossa, polizia stradale. Sono stati usati pure alcuni trattori per rimuovere l'ostacolo, e una cinquantina di tir sono rimasti lì durante la notte, con i camionisti assistiti dalla Croce rossa.

Storie di ordinaria follia sul percorso a cui sono costretti autobus e mezzi pesanti da quando Anas ha chiuso un tratto dell'autostrada Palermo-Catania in direzione del capoluogo etneo. Il viadotto Cannatello, tra Resuttano e Ponte Cinque Archi, è a rischio crollo. Lo si sa da anni, la situazione è via via peggiorata e gli interventi di manutenzione procrastinati anche a causa dei problemi dell'impresa che avrebbe dovuto eseguirli. Il risultato è che da settimane tutti i mezzi sopra le 3,5 tonnellate sono costretti ad arrampicarsi sulle provinciali delle Madonie, la sp19 e la sp 112.

Gli autobus si sono divisi: la Sais sta effettuando il collegamento da Palermo a Catania passando per Messina, mentre percorre le provinciali interne per collegare Palermo a Enna, Caltagirone e Gela. Stessa cosa fa Interbus da Palermo a Siracusa. «Stiamo avendo un calo dei passeggeri - spiega Gaetano La Iacona, direttore di Sai Autolinee - il viaggio da Palermo a Catania si è allungato di un'ora e venti circa e con lo stesso prezzo. Ma non possiamo pagare noi l'incuria di decenni. Dopo un sopralluogo, abbiamo deciso di non scegliere il percorso alternativo indicato da Anas perché è indecente. Stiamo parlando del collegamento più importante dell'isola».

Per evitare un tracollo peggiore, Sais sta correndo ai ripari. Visto che il transito sull'autostrada è possibile ai mezzi inferiori alle 3,5 tonnellate, da fine mese, in alcuni orari, sostituirà gli autobus con pulmini a nove posti, autorizzati al transito. Ogni giorno Sais fa viaggiare tra le due città 14 coppie di autobus. Tre corse, quelle in partenza da Palermo alle 7 alle 8 e alle 15, verranno sostituite con quattro pulmini più piccoli. Stessa cosa per il ritorno da Catania con partenza alle 11, alle 16 e alle 18.30. «Non possiamo permetterci di perdere la tratta», sottolinea La Iacona.

Anche per lo stato della A19 la settimana scorsa gli autotrasportatori siciliani hanno bloccato per 24 ore i porti dell'isola. Giovedì prossimo al ministero dei Trasporti si terrà una nuova riunione del tavolo e in quella sede si attendono risposte concrete da Roma.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews