Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Traffico influenze, Gennuso presenta nuovo ricorso
Per la difesa «non resta alcun capo di imputazione»

Redazione

Il parlamentare regionale Pippo Gennuso ha presentato un ricorso ad altra sezione della Cassazione per un proscioglimento nel merito rispetto al patteggiamento di un anno fa (a un anno e due mesi di reclusione) per traffico di influenze. Gennuso, eletto nei Popolari e Autonomisti, era stato arrestato per corruzione nel febbraio dello scorso anno nell'ambito di un'inchiesta della Procura di Roma su sentenze pilotate al Consiglio di Stato e al Consiglio di giustizia amministrativa

Le misure cautelari del gup di Roma avevano riguardato anche l'ex presidente del Cga Raffaele Maria De Lipsis; il giudice del Consiglio di Stato, da tempo sospeso, Nicola Russo, e l'ex magistrato della Corte dei Conti Luigi Pietro Maria Caruso. Gennuso ha patteggiato davanti al gup, ma non per corruzione bensì per traffico di influenze illecite. L'imprenditore di Rosolini era quindi rientrato all'Assemblea regionale siciliana dove era stato sospeso. Nel novembre scorso aveva presentato un ricorso alla Cassazione che l'ha ritenuto insussistente, confermando di fatto la pena. 

Stamane il suo legale, il professor Carlo Taormina, ha presentato un altro ricorso ad altra sezione per «l'errore di fatto». Secondo il legale escludendo la corruzione non resta più alcun capo di imputazione, sia come individuazione del fatto da contestare sia come materialità. Sostanzialmente - secondo la difesa - la somma di 40mila euro consegnata da Gennuso agli avvocati Amara e Calafiore sarebbe stata una parcella e non una tangente per convincere il Cga di Palermo ad accogliere il suo ricorso per indire una mini elezioni regionale in nove sezioni, tra Rosolini e Pachino, dopo la scomparsa delle schede elettorali dal tribunale di Siracusa relative alle elezioni del 2012. Nell'ottobre del 2014, dopo la decisione del Cga, la mini tornata si svolse consentendo a Gennuso di ottenere il seggio a scapito di Pippo Gianni. 

(Fonte: Ansa)

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews