Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Tempo pieno a scuola, a Bologna sei volte più di Catania
L'appello per il nuovo anno: «Sceglietelo per i vostri figli»

Nel 2018 la Regione ha siglato un protocollo col Miur per il tempo prolungato in 15 scuole. Sperimentazione in corso che però è cosa diversa dalle 40 ore di didattica settimanali. Un gap che incide nella differenza di preparazione tra alunni del Nord e del Sud

Salvo Catalano

Nella città metropolitana di Bologna 62 bambini su 100 della scuola elementare hanno usufruito nell'ultimo anno del tempo pieno. I pari età di Catania e provincia che hanno avuto lo stesso trattamento sono stati otto su cento. I primi sono rimasti in classe 400 ore in più dei secondi. Alla fine del percorso della primaria avranno accumulato un vantaggio di duemila ore, in pratica come se avessero goduto di due anni in più di lezioni. Benvenuti in uno dei gap più profondi tra Nord e Sud del Paese. Il paradosso è che, anche quando le istituzioni sembrano svegliarsi, famiglie e scuole siciliane non sono pronte, spesso nemmeno interessate. Lo dimostra il fatto che nel 2019 su 246 cattedre che il ministero dell'Istruzione aveva destinato alla Sicilia per estendere il tempo pieno, ben 96 (una su tre) sono state restituite per mancanza di richieste dalle scuole. 

«Manca un'adeguata informazione tra le scuole e le famiglie, soprattutto nelle aree più svantaggiate», riflette l'assessore regionale alla Formazione Roberto Lagalla. «E mancano le strutture per le mense e le risorse affinché i Comuni provvedano a farsene carico, servirebbero investimenti ben più sostanziosi», aggiunge Adriano Rizza, segretario generale della Cgil Scuola in Sicilia. 

In queste settimane le famiglie sono alle prese con le iscrizioni dei propri figli. C'è tempo fino al 31 gennaio per presentare la domanda sul sito del Miur. E tra i campi da compilare c'è pure quello sul monte ore desiderato: se 27 (tempo normale), 30 o 40 (tempo pieno). «Scegliete il tempo pieno, è determinante per il futuro dei vostri figli», è l'appello di Elena Di Blasi, preside dell'istituto comprensivo Pestalozzi di Catania, una scuola che sorge tra Librino e il Villaggio Sant'Agata, due quartieri difficili, e che è riuscita ad avere tutte le 19 classi a tempo pieno. «È così ormai da diversi anni e i risultati si vedono - spiega - C'è un progressivo miglioramento nel rendimento dei bambini e riusciamo a diversificare le attività laboratoriali: dalla musica alle lingue, all'informatica. E le mamme possono andare a lavoro». La scuola cerca di coinvolgere le famiglie e in cantiere ci sono anche corsi per i genitori. Determinante è avere a disposizione i locali per la mensa. «Al momento il Comune ha affidato il servizio a una ditta - continua Di Blasi - ma il mio sogno è farle gestire dai nostri stessi studenti dell'istituto alberghiero. A mio avviso il problema mensa è quello che più grava nella situazione siciliana. Per risolverlo servono investimenti e questa è una scelta politica». 

E il resto dell'isola? Nell'ultimo anno le classi a tempo pieno della scuola primaria sono cresciute in tutte le province a un ritmo troppo lento per poter schiodare l'isola, col suo 14 per cento, dall'ultimo posto (insieme al Molise) nella classifica nazionale. In tutta la provincia di Palermo nel 2019-20 sono stati poco più di 3100 i bambini che hanno svolto 40 ore settimanali, il cinque per cento del totale, appena 63 alunni in più dell'anno precedente. A Siracusa si è formata solo una classe in più a tempo pieno con 14 bambini. Un po' meglio in provincia di Catania dove l'incremento è stato di 650 alunni in 35 classi.

Per accelerare la trasformazione della scuola elementare siciliana, nell'estate del 2018 la Regione Siciliana ha firmato un protocollo d'intesa con il ministero dell'Istruzione. Prevedeva la sperimentazione del tempo prolungato in alcune scuole che si trovano in territori ad alta dispersione scolastica. Così nell'anno scolastico in corso in 15 istituti comprensivi dell'isola sono partite le attività pomeridiane. «Abbiamo allungato il tempo di contatto con le scuole per circa mille bambini che vivono in aree difficili - spiega Lagalla - non si tratta delle classiche lezioni frontali o di doposcuola, ma di interessi diversificati: informatica, arte, cinema, attività motorie e musicali. L'obiettivo è ridurre la dispersione scolastica».

Le scuole interessate sono tre a Palermo (Falcone, Rita Atria e Saladino), tre a Catania (Vittorio Feltre, Livio Tempesta e Cesare Battisti), tre a Messina (Albino Luciani, Villa Lina e Giuseppe Catalfamo), una rispettivamente ad Agrigento (Quasimodo), Caltanissetta (Vittorio Veneto), Vittoria (Filippo Traina), Trapani (Nunzio Nasi), Enna (Paolo Neglia) e Siracusa (Chindemi). Ognuna ha ricevuto 50mila euro dalla Regione e 50mila dal ministero per avviare la sperimentazione che durerà un anno. «Non è un'attribuzione formale del tempo pieno - ammette Lagalla - ma vogliamo estendere queste attività ad altre scuole usando i fondi europei e creare un modello siciliano di tempo prolungato».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

MeridioKids, la rubrica per i più piccoli

Un modo per creare comunità in questo periodo senza socialità. Nasce per questo MeridioKids, la rubrica di MeridioNews pensata per la quarantena di grandi e piccini. Istruttori di discipline sportive, artisti, disegnatori, animatori, pasticceri, maghi. A ognuno abbiamo chiesto di pensare un'attività o un gioco ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews