Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Omicidio Loris, Panarello era «lucida e cosciente»
Per i giudici era orientata a depistare le indagini

Tra le motivazioni della Cassazione c'è anche il fatto che la donna «non versava in stato confusionale ma e non ci fu nessuna amnesia dissociativa». Il ricorso presentato dal suo legale Francesco Villardita è stato ritenuto inammissibile

Marta Silvestre

«Non versava in stato confusionale, come ha cercato di fare credere, ma al contrario era perfettamente cosciente e orientata nell'attività di eliminazione delle tracce del commesso reato e di depistaggio delle indagini». C'è anche questo tra le motivazioni per cui la Cassazione ha confermato la condanna a 30 anni di carcere per Veronica Panarello, accusata di avere ucciso il figlio Loris Stival il 29 novembre del 2014 a Santa Croce Camerina, nel Ragusano. I giudici di merito hanno stabilito che la madre ha agito in modo «lucido e cosciente». 

Già in primo grado con rito abbreviato, nell'ottobre del 2016, Panarello era stata ritenuta responsabile dal gup di Ragusa Andrea Reale per l'omicidio e l'occultamento di cadavere del figlioletto che venne ritrovato morto, dopo qualche ora dalla sua denuncia di scomparsa, in un canale a Santa Croce Camerina.

L'avvocato Francesco Villardita, che assiste la donna, aveva presentato il ricorso avverso alla sentenza della Corte d'assise d'appello di Catania che il 5 luglio del 2018 ha confermato la condanna di Veronica Panarello a 30 anni di reclusione. Il ricorso davanti ai giudici della Suprema Corte verteva su dieci punti: l'elemento soggettivo del reato e la contraddizione della sentenza che parla di dolo d'impeto, ma anche di pianificazione con il sopralluogo di Veronica Panarello; l'assenza di movente; e anche la capacità di intendere e volere dell'imputata

Il ricorso è stato considerato inammissibile e, adesso, i giudici fanno riferimento a una condotta «lucida» e «cosciente» e, si legge ancora nella sentenza che non ci fu «nessuna amnesia dissociativa». I giudici scrivono inoltre che Panarello «ha consapevolmente mutato più volte versione dei fatti» e «non ha esitato a gettare sospetti», fino «ad accusare ingiustamente il suocero dell'omicidio».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews