Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Caso Scieri, dna su una busta a confronto con indagati
Nella lettera anonima indizi e piste per sviare indagini

Un documento conservato da circa vent'anni potrebbe tornare utile per fare chiarezza sulla morte del parà siracusano. Le tracce genetiche verranno comparate con quelle degli ex commilitoni Alessandro Panella, Luigi Zabara e Andrea Antico

Marta Silvestre

Una busta inviata agli inquirenti della procura militare di Roma contenente una lettera anonima nella quale sarebbero stati suggeriti degli indizi che avrebbero provato a depistare le indagini fornendo false piste sulla morte del parà siracusano Emanuele Scieri. Le tracce genetiche rilevate su quella lettera, spedita circa vent'anni fa, saranno comparate, come scritto da Il Tirreno, con il dna prelevato, nei mesi scorsi, agli indagati Alessandro Panella, Luigi Zabara e Andrea Antico

Procedono le due indagini portate avanti parallelamente su quanto accaduto nella caserma Gamerra di Pisa, nell'agosto 1999. Da una parte c'è la procura di Pisa che ha riaperto il caso, nel settembre del 2017 e indagato i tre ex commilitoni per omicidio volontario in concorso; dall'altra, la procura generale militare della corte d’Appello di Roma che ha chiesto, senza ottenerlo, il trasferimento dell'indagine «per competenza e giurisdizione». Gli stessi tre, in questo caso, devono rispondere di «abuso di autorità» e «violenza contro un inferiore». Per questo secondo binario, le indagini potrebbero chiudersi entro la prossima primavera. Intanto, lo scorso dicembre, dalla procura militare era arrivata l'ipotesi di una punizione inflitta a Scieri che sarebbe stato trovato a utilizzare il cellulare all'interno della caserma (pratica che all'epoca era vietata). 

La punizione sarebbe consistita nel fare l'arrampicata della scala solo con le braccia, una pratica chiamata «esercizio 9». Da quella scala il giovane sarebbe caduto e lasciato sotto la torre di asciugatura dei paracadute fino al momento del ritrovamento, avvenuto tre giorni dopo, nonostante due ispezioni straordinarie. Più medici legali, negli anni, hanno concordato sul fatto che Lele si sarebbe potuto salvare. Eppure, da alcune anticipazioni non ufficiali e di parte che riguardano l'esito della nuova autopsia - che la scorsa primavera è stata affidata alla medica legale Cristina Cattaneo - sarebbe spuntata l'ipotesi della morte sul colpo. Teoria che, se confermata, avrebbe un impatto forte anche sulle indagini riaperte dalla procura di Pisa. Il reato di omicidio da volontario diventerebbe preterintenzionale e, quindi, sarebbe già prescritto

Leggi il dossier di MeridioNews sul caso di Lele Scieri.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews