Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Governo, è siciliana la nuova ministra della Scuola
Eletta in Piemonte, ha due lauree ed è una preside

Lucia Azzolina è stata indicata dal presidente del consiglio Giuseppe Conte. Il Miur sarà diviso in due ministeri: insieme a lei, infatti, ci sarà anche Gaetano Manfredi, che reggerà il dicastero all'Università. Polemiche sulla moltiplicazione delle poltrone

Redazione

Foto di: Camera dei Deputati

Foto di: Camera dei Deputati

Trentasette anni, originaria di Siracusa, grillina. Sono i tratti distintivi della nuova ministra della Scuola Lucia Azzolina. L'esponente pentastellata, già sottosegretaria, è stata nominata nella tarda mattina di oggi dal presidente del consiglio Giuseppe Conte. Azzolina, insieme a Gaetano Manfredi, nominato ministro all'Università, erediteranno il dicastero che è stato retto da Lorenzo Fioramonti fino a pochi giorni fa, quando il cinquestelle ha rassegnato le dimissioni in aperta polemica con il governo per ciò che concerne lo stanziamento di fondi destinati all'istruzione.

Azzolina da tempo vive a Biella ed è stata eletta alla Camera alle ultime Politiche nel listino bloccato della circoscrizione Piemonte 2, è diventata preside lo scorso agosto. Ha due lauree - una in filosofia, l'altra in diritto - ed è tra coloro che hanno maggiormente lavorato al decreto Scuola. Nella sua carriera anche la militanza nel sindacato Anief, prima in Piemonte e successivamente in Lombardia. 

Con la nomina di Azzolina e Manfredi - quest'ultimo rettore dell'Università Federico II di Napoli, nonché fratello dell'ex deputato del Pd Massimiliano Manfredi - di fatto si è realizzato lo sdoppiamento del Miur. «Lucia ha sempre avuto a cuore le tematiche della scuola e con il suo nuovo incarico saprà parlare nel migliore dei modi al mondo della scuola - ha detto il ministro degli Esteri Luigi Di Maio -. I complimenti a lei da tutto il Movimento, a dimostrazione del fatto che con impegno si possono raggiungere importanti traguardi. Con lei la scuola avrà un punto di riferimento chiaro e sempre presente». Sulla scelta di creare un nuovo ministero, si è espresso il presidente del consiglio Conte: «Non c'era nessun piano preordinato». Poi sulle dimissioni di Fioramonti: «Non è vero che non abbia invitato il ministro Fioramonti a ripensarci. L'ho visto, però, molto convinto. Lo rispetto e lo ringrazio per quanto fin qui svolto». 

Dalle opposizioni, intanto, non mancano le polemiche: «Ma il M5s non era per il taglio delle poltrone? - dichiara il questore della Camera Edmondo Cirielli -. I grillini pur di rimanere al potere non si vergognano di moltiplicare poltrone ministeriali per accontentare anche il famelico Pd. Raddoppiando i costi, senza pudore e dignità politica, ovviamente sulle spalle degli italiani».

Con la nomina di Azzolina, salgono a quattro i siciliani presenti al governo: oltre a lei, ci sono il ministro della giustizia Alfonso Bonafede, la ministra del Lavoro Nunzia Catalfo e il ministro per il Mezzogiorno Giuseppe Provenzano.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×