Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Formazione professionale, l'avviso per l'accreditamento
Per gli enti cade l'obbligo di assumere gli ex sportellisti

Dopo le critiche delle associazioni datoriali, il governo Musumeci fa marcia indietro sui punti controversi: via il paletto di un fatturato che non si basi solo su entrate pubbliche, mentre si parla genericamente di impegno nell'utilizzo degli ex sportellisti

Salvo Catalano

Avanti tutta sulla nuova formazione professionale targata Musumeci e Scavone. Due giorni prima di Natale è stato pubblicato il nuovo avviso per l'accreditamento di soggetti pubblici e privati per l'erogazione dei servizi per il lavoro in Sicilia. Gli enti che vogliono operare come formatori in Sicilia dovranno passare da qui. Un documento importante e atteso, che aveva generato nei mesi scorsi anche un aspro confronto tra le associazioni datoriali e il governo. Due in particolare erano stati i punti controversi: l'obbligo di assumere gli ex sportellisti e quello di avere un fatturato che non dipendesse soltanto dalle entrate della Regione siciliana o comunque di enti pubblici. Del secondo punto non c'è più traccia nell'avviso del 23 dicembre, dandola quindi vinta agli enti di formazione; il primo invece viene rimodulato: non più un obbligo, ma un generico «impegno». 

Era uno degli obiettivi della giunta di Nello Musumeci: varare un nuovo sistema di accreditamento che superasse definitivamente quello del 2015, alla luce delle novità nella normativa introdotte a livello nazionale. E dare più slancio ai corsi di formazione professionale, provando a fare pulizia del passato. Un primo avviso pubblico era stato pubblicato il 30 ottobre, ma le associazioni che rappresentano gli enti di formazione e le agenzie di lavoro avevano alzato le barricate, dicendosi fortemente preoccupate. Nel mirino soprattutto due passaggi: «Dimostrare che almeno il 30 per cento del fatturato annuo non dipenda da fonti di finanziamento pubbliche», e la presenza obbligatoria «per ciascuna sede operativa di almeno un operatore in possesso dei requisiti indicati dalla legge regionale 8/2016». E cioè gli ex sportellisti, lavoratori che hanno operato a partire dal 2000 negli sportelli multifunzionali a cui la Regione aveva delegato una serie di funzioni relative alle politiche attive del lavoro. 

Ne è seguito un «urgente incontro» con l'assessore regionale alla Formazione, l'autonomista Antonio Scavone, in cui i privati hanno sottolineato come in Sicilia la formazione professionale sia esclusivo appannaggio della Regione e che, quindi, enti e agenzie solo dalla Regione possono attingere risorse. Di conseguenza, è questa la tesi delle associazioni, imporre che il 30 per cento del fatturato fosse legato a iniziative slegate da enti pubblici, avrebbe di fatto escluso moltissimi soggetti. Il governo Musumeci ha quindi fatto marcia indietro: via il riferimento al fatturato. Mentre sugli sportellisti è stata trovata una formula dai contorni vaghi e piuttosto confusionaria. Non si parla più di presenza obbligatoria tra le figure professionali in organico degli enti che vogliono accreditarsi, quanto piuttosto di «impegno all'utilizzo nel caso di attività finanziaria con risorse pubbliche per l'erogazione delle politiche attive» degli ex sportellisti «in conformità a specifico accordo da sottoscrivere con l'assessorato regionale al Lavoro». Ma non è specificato che tipo di premialità è prevista per chi si prende questo impegno. 

Il nuovo sistema di accreditamento sembra quindi non mettere la parola fine sull'infinita vicenda degli ex sportellisti. Ma prova a dare qualche risposta rimanendo su un orizzonte che mira a trovare una sistemazione a questa categoria. Anche se non tutti, nello stesso mondo degli ex sportellisti, continuano a inseguire l'illusione del posto fisso. C'è chi ha provato a promuovere l'autoimprenditorialità, come l'associazione Itinerari per il lavoro, i cui tentativi di indirizzare la politica regionale verso altri percorsi, però, sono caduti nel vuoto.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews