Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Calenda in Sicilia lancia il suo nuovo partito Azione
Ecco i seguaci nell'isola. «Noi diversi dai renziani»

Epicentro a Palermo ma con importanti adesioni anche in Sicilia orientale: dal consigliere Zappalà di Catania al sindaco di Siracusa. L'ex ministro lancia la sfida a Pd e Italia Viva. «Non serve un partitino, vogliamo arrivare a percentuali importanti»

Il puzzle del centrosinistra continua a frammentarsi: dopo Italia Viva di Renzi, in Sicilia arriva pure Azione di Carlo Calenda. L'appuntamento per il lancio ufficiale è fissato per il 13 dicembre a Palermo, ma nelle scorse settimane sono già arrivate le prime adesioni: ex Pd delusi dal nuovo corso del segretario Zingaretti e affatto convinti dalla ditta renziana Sammartino-Faraone-D'Agostino. 

«Le nostre priorità sono sanità e scuola. Ditemi chi è più meridionalista di noi». Giangiacomo Palazzolo, sindaco di Cinisi, è il principale riferimento per la nascita e la crescita della nuova formazione. Ma a che serve un altro piccolo partito nel centrosinistra? «Un partitino non serve - spiega a MeridioNews - un partito sì, che sappia parlare agli scontenti. Per questo il nostro obiettivo è raggiungere percentuali importanti, altrimenti abbandoneremo il progetto». 

Per farlo si parte da una rete di amministratori locali, con epicentro Palermo e la sua provincia. Da qui arrivano, ad esempio, il sindaco di Isnello Marcello Catanzaro, il consigliere comunale di Palermo Giulio Cusumano e quello circoscrizionale Fabio Pernice. E ancora i consiglieri comunali di Isola delle Femmine Giuseppe Caltanissetta e di Petralia Sottana Fabio Di Ganci. E sono palermitani anche altri due fondatori di Azione in Sicilia: Mila Spicola, insegnante e storica dirigente del Pd in Sicilia, per cui è stata anche candidata alle ultime Europee; e Federica Tarantino, segretaria uscente del circolo Pd Palavicino-Zen. 

Ma anche in Sicilia orientale qualcosa si muove. Aderisce ad Azione Francesco Italia, sindaco di Siracusa fino a qualche giorno fa, quando una sentenza del Tar ha terremotato la politica siracusana rimandando una parte dell città alle urne, avendo evidenziato irregolarità alle ultime Amministrative. E folgorato da Calenda è stato anche Lanfranco Zappalà, vicepresidente del consiglio comunale di Catania, da 30 anni a Palazzo degli elefanti con i suoi sei mandati consecutivi. Mentre un'interlocuzione, sembra con buone probabilità di riuscita, è stata avviata anche a Messina con alcuni consiglieri comunali: «Abbiamo avuto un incontro - spiega Libero Gioveni, consigliere eletto col Pd dopo avere abbandonato l'Udc -. Ma solo una chicchierata per capire meglio i loro propositi». A quell'appuntamento c’era il gruppo Radici, col presidente Fabio Morabito. Abboccamenti ci sarebbero stati anche con il consigliere Alessandro De Leo, che lo scorso marzo ha lasciato Sicilia futura per approdare a Più Europa, di cui oggi è stato nominato portavoce regionale per l’area di Messina. «Con Calenda c’è un interesse a confrontarci in vista di possibili alleanze future», dice.

È con questa squadra che Calenda lancia la sfida a un Pd siciliano che attende ancora il vento del cambiamento promesso da Nicola Zingaretti e a Italia Viva che in Sicilia deve fare i conti anche con l'indagine per corruzione elettorale di Luca Sammartino. «Rispetto ai renziani noi abbiamo un modo completamente diverso di fare politica - sottolinea il sindaco di Cinisi, Palazzolo - Renzi si è rivolto a politici strutturati per lanciare il partito anche all'Ars, noi partiamo da amministratori locali e società civile».

L'appuntamento con Calenda è dunque a Palermo il 13 dicembre alle 18 al Magneti Cowork di via Emerico Amari. Ci saranno anche i coordinatori dei «gruppi d’Azione» Francesco De Luca, Alessandro Cucchiara, Vincenzo Conti, Salvo Roccalumera e Salvo Ventimiglia più rappresentanti della società civile come Valeria Militello e Pino Matranga.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews