Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Infrastrutture, il ministro Boccia attacca Anas e Ferrovie
«Che non ci siano treni all'altezza è vergogna nazionale»

La visita del ministro per gli Affari regionali a Palermo, tra amministratori locali e i presidenti della Regione e dell'Assemblea. Secondo Boccia «i fondi ci sono e non è tollerabile che ci dicano che servono cinque o dieci anni per realizzare le opere»

Miriam Di Peri

Foto di: Miriam Di Peri

Foto di: Miriam Di Peri

«Che Sicilia e Sardegna non abbiano treni all'altezza è una vergogna nazionale». Il ministro per gli Affari regionali, Francesco Boccia, che in mattinata ha incontrato il presidente della Regione siciliana Nello Musumeci, a Palermo, va dritto al sodo. «I fondi ci sono - tuona - e non è tollerabile che ci dicano che servono cinque, sei o dieci anni per la realizzazione delle opere». Boccia, in visita istituzionale a Palermo dove ha incontrato anche i rappresentanti dell’Asaec, associazione che riunisce gli amministratori locali siciliani, e il primo inquilino di Palazzo dei Normanni, Gianfranco Micciché, approfitta per lodare pubblicamente Musumeci: «Non è usuale trovarsi davanti il presidente di una Regione grande e importante come la Sicilia che non chieda risorse, ma regole certe».

Per Boccia «l’impegno è quello di ridurre le diseguaglianze e di ridurre i tempi di realizzazione degli investimenti e di essere molto più esigenti con chi ha queste responsabilità. E mi riferisco - ha aggiunto - anche alle aziende pubbliche, perché non è ammissibile che per un progetto ci vogliano 5 o 6 anni. È ingiustificabile e per certi aspetti non tollerabile. Non è un problema di risorse, ma di regole e di tempi che dobbiamo risolvere per il quale devono rispondere Anas ed Rfi. Non è possibile buttar via anni per opere che in genere si fanno in pochi mesi».

Moderatamente ottimista anche Musumeci, che a proposito di autonomia differenziata ha ribadito di aver «manifestato l'esigenza di istituire un tavolo nazionale davanti al quale affrontare un tema che ha ricadute che riguarderebbero tutto il territorio nazionale».

«Abbiamo sottolineato - ha proseguito Musumeci - l'esigenza di tutelare la perequazione infrastrutturale e fiscale, perché non vorremmo che una parziale applicazione del regionalismo possa determinare una ricaduta negativa sulle regioni del Mezzogiorno che vivono una stagione di grandi difficoltà». 

Intanto è stato annunciato che a gennaio, proprio a Palermo, si terrà una giornata dedicata alle Regioni a statuto speciale, alla quale dovrebbe prendere parte anche Boccia, che ha dato la sua disponibilità al confronto. E sempre sul tema dell’autonomia, Boccia ha precisato che l’informativa ieri in consiglio dei Ministri «è andata molto bene. Domani ci sarà un vertice di maggioranza e definiremo la rotta. Io non penso ci siano fibrillazioni per i contenuti. Non ho mai chiesto di forzare - ha aggiunto - non avrei mai violato le regole. Se ci sono le condizioni e c'è l'unanimità lo si porterà avanti secondo i meccanismi che decideranno tutti i gruppi parlamentari».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews