Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

I migranti seppelliti nei piccoli paesi della Sicilia
Un'ultima famiglia che sceglie per loro un nome

Da Santo Stefano Quisquina a Cianciana, passando per Montevago e Alessandria della Rocca. È qui che riposano i corpi recuperati in fondo al Mediterraneo. Salutati da sindaci, ragazzi e semplici cittadini 

Salvo Catalano

La chiesetta del cimitero di Santo Stefano Quisquina domenica era piena. A Montevago nelle stesse ore i ragazzi delle scuole hanno letto versi di poesie davanti alle salme. Un mese fa scene simili si sono ripetute poco lontano, a Cianciana e ad Alessandria della Rocca. E ancora a Campobello di Licata, a Grotte, a Joppolo Giancaxio e a Canicattì. Le ultime comunità, quelle definitive, per i migranti morti sul fondo del Mediterraneo stanno qui, nei piccoli paesi dell'Agrigentino. Che hanno dato la loro disponibilità alla prefettura per ospitare i corpi che in queste settimane i sub della guardia costiera stanno recuperando a un miglio da Lampedusa, nel relitto affondato lo scorso 23 novembre. Al momento sono venti. 

A Santo Stefano, poco meno di cinquemila anime, sono già otto le salme non identificate che riposano nel cimitero. Stavolta però, di fronte alle ultime due donne, la comunità ha deciso di non lasciare che vengano ricordate con un numero, ma di dare loro un nome: Concetta e Maria. «La proposta è venuta dal parroco, don Giuseppe Alotto, in maniera spontanea durante la cerimonia di sepoltura ed è stata accolta da tutti con entusiasmo», spiega il sindaco Francesco Cacciatore.

Un rito semplice, una preghiera, una benedizione, non sapendo a quale fede le due donne si aggrappavano. «Credo che i migranti nel cimitero di Santo Stefano siano più di quelli vivi», sottolinea Elisa Chillura, giornalista che vive tra il suo paese e Palermo e che ha partecipato alla sepoltura. Più facile accogliere una salma piuttosto che integrare chi cerca una nuova vita? «Qui non credo - continua - Nei piccoli paesi c'è una predisposizione naturale all'integrazione. Quello che però mi ha colpito domenica è stato il fatto che nessuno si era mai posto il problema dell'identificazione, nessuno sapeva che lo Stato non ha l'obbligo di farlo. Dare un nome a queste donne ha permesso l'elaborazione di questo pensiero. È una strana sorte quella che ti vuole seppellita in un posto che non avevi nemmeno scelto per vivere - conclude Elisa - Chiamata con un nome che non è nemmeno il tuo, ma che è sempre meglio di un numero su un cartellino».

Ad Alessandria della Rocca un'area del nuovo cimitero ospita una ventina di corpi mai riconosciuti. Tranne uno, identiticato grazie a una fotografia. Una di quelle che tante volte i migranti si portano dietro, nelle tasche o cucite sotto il vestito. Uno scatto che ha permesso a suo fratello di venire dal Nord Europa a piangerlo sulla sua tomba. A Cianciana due mesi fa hanno seppellito il cadavere numero sei e il numero sette del naufragio dello scorso sei ottobre. Che si sommano agli altri 17 corpi nel piccolo cimitero del paese.

«Avevano sogni e ideali che non potranno mai più realizzare, chissà quando li hanno salutati l'ultima volta i loro genitori, chissà quanti ne partono e quanti ne arrivano». Sono le parole, i pensieri di una ragazza durante l'ultimo saluto alle due donne seppellite domenica a Montevago.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews