Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Porti chiusi, tribunale dei ministri indagherà su Salvini
La procura conferma l'ipotesi di sequestro di persona

L'ex ministro degli interni è accusato anche di abuso d'ufficio per il divieto di sbarco alla Open Arms. Un altro procedimento per calunnia e diffamazione è stato aperto in seguito a una querela di parte di Mare Jonio

Redazione

Foto di: Matteo Salvini su Facebook

Foto di: Matteo Salvini su Facebook

Per la procura di Palermo bisogna indagare su quanto fatto da Matteo Salvini in occasione di quanto accaduto alla Open Arms ad agosto, nel periodo in cui il leader della Lega era ancora ministro degli Interni. I magistrati, che nei giorni scorsi hanno ricevuto il fascicolo dai colleghi di Agrigento, hanno chiesto al tribunale dei ministri di procedere nelle indagini. Le accuse sono di abuso d'ufficio e concorso in sequestro di persona

La vicenda ricorda quella della Diciotti - per quei fatti Salvini è stato salvato dal processo dal Parlamento - e riguarda il divieto allo sbarco della nave che aveva salvato numerosi migranti nel Mediterraneo. Una mancata autorizzazione che faceva riferimento a quanto previsto dal decreto Sicurezza bis, ma che per i magistrati potrebbe aver configurato la commissione dei due reati. Con quella posizione, Salvini avrebbe di fatto privato della «libertà personale in pregiudizio» le persone a bordo della Open Arms. 

Un altro procedimento è stato invece aperto in seguito a una querela di parte presentata dalla società proprietaria del rimorchiatore Mare Jonio della ong Mediterranea Saving Humans. In questo caso le ipotesi di reato sono di calunnia e diffamazione

«Ma in alcuni Tribunali non hanno problemi più importanti di cui occuparsi? Quando tornerò al governo, rifarò esattamente quello che ho fatto: i confini sono sacri, punto», è la replica di Salvini. L'ex ministro, già ai tempi della Diciotti, aveva dichiarato di non temere di essere processato. Poi però, quando il tribunale dei ministri chiese l'autorizzazione a procedere, si appellò a senatori e deputati affinché ponessero il veto.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews