Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Formazione professionale, Regione lancia nuovo Avviso
Enti di formazione possono associarsi con le imprese

Presentato stamattina un avviso che l'assessore Lagalla definisce «sperimentale per la Sicilia». Corsi teorici a cui seguiranno tirocini in azienda, che possono essere organizzati direttamente dalle imprese

Redazione

La Regione siciliana lancia un nuovo avviso del programma di Formazione professionale, mirato a coinvolgere direttamente le imprese. Si chiama Formazione per la creazione di nuova occupazione ed è rivolto a disoccupati e non occupati a cui si offrono possibilità di riqualificare, o affinare, le proprie competenze. 

I soggetti beneficiari che possono presentare domanda per aderire all'Avviso sono di due tipologie: un'associazione temporanea di impresa o di scopo (ATI/ATS) composta da enti di formazione, in qualità di mandante, e da imprese in qualità di mandataria; oppure ente di formazione singolo o partner con altri enti nella modalità dell’ATI/ATS. Le imprese non entrano nell’associazione, e quindi in questo caso non sono benefciarie di fnanziamenti. In tutte le opzioni le aziende si impegnano ad assumere almeno il 25% dei formati (40% nel caso di imprese di grandi dimensioni).

L’iniziativa è stata presentata stamattina, a Palazzo Orleans, dal presidente della Regione Nello Musumeci e dall’assessore alla Formazione professionale Roberto Lagalla. Presenti anche il dirigente generale del dipartimento Istruzione, Salvo Taormina, e il dirigente del servizio Formazione professionale dell’assessorato, Giuseppe Giudice.

I destinatari delle attività formative possono essere giovani o adulti disoccupati, e persone in stato di non occupazione in possesso di qualifica professionale, diploma professionale di tecnico, diploma di scuola secondaria superiore, diploma di tecnico superiore, laurea, vecchio e nuovo ordinamento universitario triennale o magistrale. 

Il percorso formativo prevede una prima fase di formazione d'aula da 40 a 120 ore per un numero di allievi compreso tra 15 e 25. I corsi dovrebbero essere strettamente legati alle concrete esigenze delle imprese aventi sede in Sicilia, dando priorità a quelle che operano nei settori dell’agro-alimentare, del manifatturiero, incluse le attività artigiane e poi ancora nel campo dell’edilizia, delle tecnologie dell’informazione e delle comunicazioni, del turismo, dei beni culturali e dei servizi sociali.

In questa fase i costi dell'ente organizzatore che verranno coperti sono di 129 euro a ora corso. «Tale parametro - sottolinea la Regione - comprende tutti i costi che il benefciario è tenuto a sostenere per assicurare la corretta realizzazione dell’operazione finanziata».

La fase due invece prevede un tirocinio formativo in impresa per una durata compresa tra il 30 e l'80 per cento del totale delle ore di formazione in aula. L'impresa si deve impegnare a mettere a disposizione un tutor aziendale ogni cinque allievi. I costi del tutoraggio aziendale sono totalmente ed esclusivamente a carico dell’impresa. 

L'erogazione del contributo prevede un acconto pari al 60 per cento del finanziamento subito dopo l'avvio del corso. Mentre il restante saldo finale arriverà a conclusione del tirocinio formativo. Ma l'intervento si intende «finalizzato» solo se si conclude con almeno il 25% (per le imprese piccole) o il 40% (per quelle grandi) di assunzioni sul totale dei partecipanti al percorso formatvo previsto. Assunzioni con un contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato o a tempo determinato di una durata non inferiore a sei mesi. Se non scattano le assunzioni, il saldo verrà decurato

«Vogliamo far tornare a parlare l'impresa con il mondo educativo - sottolinea Musumeci - rivedere il sistema formativo, creare abilità professionali che siano richieste dal mercato. È questo che dobbiamo fare se vogliamo preparare un mondo del lavoro che non sia condannato alle aree di parcheggio. Gli enti di formazione per il governo regionale non sono il fine, ma uno strumento. Il fine sono i nostri giovani». A disposizione ci sono sei milioni di euro che fanno parte di un pacchetto complessivo di circa 25 milioni di euro per tutte le cinque misure di innovazione per l'impresa.

«Con questa iniziativa puntiamo ad accrescere la competitività delle imprese siciliane - spiega l’assessore Lagalla - investendo sulla formazione di soggetti non in stato di occupazione professionale, ma in possesso di titoli e creando le condizioni per il loro inserimento lavorativo direttamente in azienda. Si tratta di un’iniziativa che può dirsi sperimentale per la Sicilia».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews