Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Frana di Letojanni, consegnati lavori: fine a maggio '21
Aggiudicati a un gruppo di ditte catanese-calabrese

Ci vorranno 18 mesi a partire da oggi per ultimare i lavori di messa in sicurezza della collina crollata sull'autostrada A18 e per la costruzione di due gallerie in entrambe le direzioni di marcia. Verranno eseguiti dalla Cospin e dalla Sgromo Costruzioni

Salvo Catalano

Quattro anni e 40 giorni dopo la frana venuta giù a Letojanni, la Regione consegna i lavori che porteranno alla riapertura dell'autostrada A18 in direzione Catania tra Taormina e Roccalumera. Tempi previsti per completare l'opera: 18 mesi. Se tutto andrà regolarmente, quindi, a maggio del 2021 si potrà tornare a percorrere quel tratto di autostrada. 

Oggi, alla presenza del presidente Nello Musumeci, è avvenuta la consegna ufficiale al raggruppamento temporaneo di imprese che si è aggiudicato l'appalto: si tratta della Cospin srl di Catania, di Antonio Pinzone, e della Sgromo Costruzioni, ditta di Maida, in provincia di Catanzaro. La gara, base d'asta 15 milioni di euro (quattro a carico della Protezione civile regionale e undici dell’Ufficio contro il dissesto idrogeologico), è stata aggiudicata col criterio del massimo ribasso: il raggruppamento ha presentato un'offerta di 11 milioni e 768mila euro, garantendo anche una riduzione dei tempi di realizzazione da 22 a 18 mesi e altre migliorie che gli hanno garantito il punteggio più alto. Nel verbale di aggiudicazione provvisoria dello scorso agosto, si sottolinea che l'offerta aveva «superato la soglia di anomalia». Per questo è stato chiesto un ulteriore approfondimento. «L'impresa ha ampiamente giustificato il ribasso», spiega il rup Salvatore Minaldi, che è anche il direttore generale del Consorzio autostrade siciliano, ente che gestisce la A18.

La vicenda della frana di Letojanni ha seguito un iter tortuoso. Il 5 ottobre del 2014 vengono giù dalla collina che sovrasta l'autostrada 50mila metri cubi di materiale. In una prima fase viene valutato un progetto che prevedeva la messa in sicurezza della collina e la realizzazione di una sola galleria. A settembre del 2017 si decide invece di portare avanti un nuovo progetto, che poi è diventato quello definitivo, prevedendo due gallerie, in entrambe le direzioni di marcia, e la costruzione di un piede, sopra la galleria in direzione Catania, in grado di stabilizzare la frana. Verrà realizzato dunque un tunnel lungo 140 metri, costruito senza spostare i detriti poiché la frana è tutt’ora in movimento. Una pila, a metà fra le carreggiate, sosterrà le due gallerie, una delle quali attraverserà i detriti della frana. In ogni caso verrà garantita la percorribilità dell’arteria a valle della frana anche durante i lavori.

«La frana - commenta il presidente della Regione Nello Musumeci - risale ormai a quattro anni fa, ma quando ci siamo insediati, nel novembre del 2017, non c’era nemmeno un progetto esecutivo sul quale poter lavorare. Oggi, finalmente, diamo una risposta concreta ai cittadini che, da anni, sono costretti - conclude - a percorrere quel tratto di autostrada con notevoli disagi».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews