Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Sui Nebrodi la raffica più forte mai registrata in Sicilia
Vento a 187 km orari, le isole Eolie isolate da tre giorni

La stazione di Novara di Sicilia, al confine coi Peloritani, ieri sera ha registrato il record da quando esiste la rete di monitoraggio del Sias, il sistema informativo agrometeorologico siciliano. Nelle ultime 72 ore picco di pioggia sull'Etna

Salvo Catalano

La raffica più forte mai registrata in Sicilia al suolo. Ieri sera a Novara di Sicilia, borgo tra i  Nebrodi e i Peloritani, il vento ha raggiunto la velocità di 187 chilometri all'ora. Un record dal 2002, da quando cioè esiste la rete di monitoraggio del Sias, il servizio informativo agrometeorologico siciliano. Pochi minuti prima delle 20.30 è stato registrato il picco di 52,16 metri al secondo, appunto 187 chilometri orari. Battuto il record che apparteneva a San Pier Niceto, altro paese del Messinese ma sui Peloritani, dove la velocità si era fermata a circa 170 chilometri all'ora. Quella di Novara di Sicilia è una stazione molto esposta ai venti, per via dell'orografia del posto. Proprio qui nel 2013 era stata registrata un'altra raffica a 152 chilometri orari.

«Sono gli ultimi colpi di coda di una circolazione depressionaria che si sta colmando - spiega Luigi Pasotti, dirigente dell'Osservatorio Acque della Regione - rimane qualche pioggia nella parte Sud della Sicilia e venti di burrasca nei versanti ionico e tirrenico del Messinese, ma tutto è in fase di stabilizzazione». Nelle ultime ore il vento ha flagellato soprattutto Messina e la sua provincia, abbattendo decine di alberi e causando mareggiate lungo le coste con l'acqua che in alcuni casi (come sulla statale 114) ha invaso le strade. Le isole Eolie sono isolate da tre giorni. Da lunedì pomeriggio i traghetti e gli aliscafi di linea sono fermi nei porti per il mare molto mosso (forza 6-7) e per il vento. A Milazzo sono bloccati pendolari e i camion carichi di derrate alimentari.

Ma a impensierire i tecnici del Sias sono stati soprattutto i fiumi: massima attenzione in particolare alle piene dell'Himera meridionale (tra Madonie e Nisseno), del Salso nell'Agrigentino, e del Belice. «La piena c'è stata, ma fortunatamente le precipitazioni sono state abbondanti ma non straordinarie e non si segnalano casi preoccupanti», sottolinea Pasotti. Stando ai dati registrati negli ultimi tre giorni dalle stazioni sparse sul territorio, è ancora una volta l'Etna il territorio dove ha piovuto di più. La stazione di Linguaglossa-Etna Nord segna 326 millimetri di piogge in 72 ore. 

Ma a soffrire sono soprattutto le aree interne - dal Calatino alla provincia di Enna - dove i terreni erano già saturi di acqua a causa delle piogge delle settimane precedenti e dove i campi sono maggiormente soggetti a fenomeni di ruscellamento ed erosione, con fiumi di fango che hanno in molti casi invaso le martoriate strade secondarie.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews