Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

A Giardini Naxos il molo si trasforma con la street art
Nuova opera di Bucchi «per chi in barca affronta l'ignoto»

Per vivere si muore. Suona come un aforisma il nome dato all’opera monumentale che l’artista romano sta realizzando in questi giorni, per la nona edizione di Emergence Festival, affiancato dagli studenti dell'Accademia di Belle Arti di Catania 

Giorgia Lodato

«Il titolo è tutta l’opera e già la racconta. Per vivere si muore è dedicata al coraggio degli uomini che salgono su una barca e affrontano l’ignoto». Suona come un aforisma il nome dato all’opera monumentale di arte pubblica che l’artista romano Danilo Bucchi sta realizzando in questi giorni al porto di Giardini Naxos per la nona edizione di Emergence Festival, il Festival Internazionale di Interventi Urbani che vede il patrocinio del Comune di Giardini Naxos.

Attenzione a non cadere nel cliché della politica però. «Non affrontiamo il tema in chiave politica», sottolinea l’autore del murales, di poche parole perché convinto che «l’artista meno parla del proprio lavoro e meno lo rovina». Il messaggio che vuole lanciare è che «noi italiani non lasciamo la gente morire dentro l’acqua. E sia chiaro, visto che ne abbiamo viste di cotte e di crude in questo periodo».

Il progetto dell’associazione culturale Emergence, guidata da Giuseppe Stagnitta, vuole trasformare il molo che deturpa la baia in un vero e proprio monumento del XXI secolo, attraverso un’opera contemporanea basata sull’idea del riciclo. Una struttura pubblica che continuerà a essere utilizzata come molo di approdo per le barche, facendola rivivere come opera d’arte e rendendo il monumento un simbolo della cittadina turistica.

«La mia arte non parla di politica, ma si concentra maggiormente su un messaggio di vita e del coraggio di vivere», ribadisce ancora Bucchi, da giovedì scorso all’opera insieme agli studenti di pittura dell’Accademia delle Belle Arti di Catania. «I ragazzi sono entusiasti di lavorare con un artista come lui – aggiunge Stagnitta - hanno fatto delle ricerche e porteranno a visitare l’opera le classi di pittura, per vedere come stiamo lavorando». Sono quattro i ragazzi che stanno affiancando Bucchi nella realizzazione dell’opera, preparando i fondi e dando assistenza all’artista: Enrico Liuzzo, Mirko D'Antoni, Felice Agozzino e Stella Marco. 

Bucchi sta interagendo con l’opera già esistente realizzata da Boris Hoppek nel 2017 durante il G7 di Taormina, il Negritos che rappresenta uno schiavo di colore. L’intervento di Bucchi, che sarà parzialmente visibile già tra il 15 e il 18 novembre, ha l’ambizione di creare un racconto narrativo attraverso i personaggi rappresentativi del suo lavoro segnico che tenteranno di salvare il Negritos in mare.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews