Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Continuità territoriale, Musumeci scrive a De Micheli
«Il caro-biglietti ha superato ogni ragionevole limite»

La missiva inviata ieri dal governatore alla ministra dei Trasporti, per chiedere l’attivazione dell’iter negli aeroporti di Palermo e Catania, prevista nella Finanziaria nazionale 2000, ma finora mai chiesta dalla Sicilia

Miriam Di Peri

Petizioni online, iniziative di forze politiche o singoli deputati, movimenti civici. La Sicilia torna a fare sentire la propria voce sulla continuità territoriale e sul caro-biglietti che ha già fatto registrare l’impennata dei prezzi in vista delle vacanze di Natale. Appena venerdì scorso il viceministro dei Trasporti Giancarlo Cancelleri, in visita in Sicilia, era tornato ad attaccare la Regione sull’argomento, sottolineando che l’amministrazione «non ha chiesto la continuità territoriale per Palermo e Catania, motivo per cui i due scali non rientrano nelle agevolazioni». L'esponente pentastellato ha anche detto che «se la Regione presentasse la richiesta anche per Palermo e Catania il ministero si attiverebbe immediatamente».

La risposta è arrivata ieri direttamente dal governatore Nello Musumeci, che ha inviato una lettera indirizzata alla ministra dei Trasporti Paola De Micheli, proprio per chiedere l’attivazione dell’iter per la continuità territoriale nei primi due aeroporti dell'isola. Secondo il governatore, «ultimamente le tariffe aeree tra i principali scali aeroportuali della Sicilia e quelli del continente hanno superato ogni ragionevole limite per i residenti».

Il primo inquilino di Palazzo d’Orleans si appella al principio di insularità «per colmare il gap infrastrutturale e strutturale che impedisce agli abitanti della Sicilia di avere pari opportunità con il resto dei cittadini europei», facendo riferimento all’articolo 135 della Finanziaria nazionale del 2000 per riattivare «le procedure previste per l’imposizione degli oneri di servizio pubblico per la realizzazione della continuità territoriale tra gli aeroporti di Palermo e Catania e gli aeroporti nazionali». Il governatore siciliano, dunque, chiede la delega «prevista dalla citata normativa, per potere indire la conferenza di servizi propedeutica alla definizione delle attività sopra indicate».

In base alla Finanziaria del 2000, la conferenza di servizi «definisce i contenuti dell'onere di servizio in relazione: alle tipologie e ai livelli tariffari; ai soggetti che usufruiscono di agevolazioni; al numero dei voli; agli orari dei voli; alle tipologie degli aeromobili; alla capacità dell’offerta; all'entità dell'eventuale copertura finanziaria da porre a carico del bilancio dello Stato qualora si proceda alla gara di appalto europea».

Al momento il piano di continuità per la Sicilia riguarda Comiso e Trapani, per cui c'è un fondo da 50 milioni di euro figlio di precedenti emendamenti alle finanziarie degli ultimi anni. Ma neanche per i due scali minori le tariffe sociali sono partite perché si attende il via libera della commissione europea. Ora, si spera, che anche per la continuità territoriale su Palermo e Catania l’iter abbia imboccato la strada d’avvio. Ma il percorso è ancora lungo.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews