Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Mafia, confisca dei beni per Pietro Mazzagatti
Legato ai Barcellonesi, procura chiede ergastolo

Il provvedimento è stato eseguito dalla Direzione investigativa antimafia. Il curriculum criminale di Pietro Nicola Mazzagatti è lungo: a partire dagli anni Novanta ha avuto condanne per estorsioni e di recente è stato ritenuto coinvolto in due omicidi

Redazione

Confisca dei beni per Pietro Nicola Mazzagatti, imprenditore attualmente in regime di 41bis perché ritenuto legato al clan dei Barcellonesi. Il provvedimento è stato eseguito dal personale della Dia di Messina, a conclusione di un'indagine coordinata dalla Dda di Messina.

Originario di Santa Lucia del Mela, Mazzagatti è diventato monopolista nel settore della ristorazione e del catering nel centro tirrenico. La sua carriera criminale inizia negli anni Novanta, con il coinvolgimento e successiva condanna per estorsione aggravata dal metodo mafioso nell'inchiesta Sistema. In quell'occasione è stato appurato che la ditta Co.Ge.Mar di Barcellona Pozzo di Gotto era stata costretta a pagare il pizzo per lavori di consolidamento effettuati a Gualtieri Sicaminò.

Mazzagatti è stato arrestato anche nell'operazione Catering del 2004. Anche in questo caso per l'imprenditore è arrivata la condanna per tentata estorsione al titolare di un commerciante che vendeva tappeti persiani e ai titolari di una sala ricevimenti a San Pier Niceto. 

Il curriculum criminale dell'uomo si è arricchito con l'operazione Gotha VI, dove Mazzagatti è stato ritenuto coinvolto direttamente in due omicidi: il primo, nel 1998, di Fortunato Ficarra e il secondo, tre anni dopo, in località Calderà a Barcellona Pozzo di Gotto, quando a essere ucciso fu il boss di Terme Vigliatore Domenico Tramontana. Per questi fatti, in estate è stato la procura ha chiesto la condanna all'ergastolo per Mazzagatti.

Tra i beni interessati dalla confisca di oggi ci sono anche la sala ricevimenti Villa Mont Valerie e il bar Valèrie Coffee and Pastry. Nel complesso il provvedimento riguarda quattro imprese, 14 immobili, 19 terreni, numerosi mezzi e diversi rapporti finanziari per un valore complessivo di 32 milioni di euro.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews