Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Mafia, confisca dei beni per Pietro Mazzagatti
Legato ai Barcellonesi, procura chiede ergastolo

Il provvedimento è stato eseguito dalla Direzione investigativa antimafia. Il curriculum criminale di Pietro Nicola Mazzagatti è lungo: a partire dagli anni Novanta ha avuto condanne per estorsioni e di recente è stato ritenuto coinvolto in due omicidi

Redazione

Confisca dei beni per Pietro Nicola Mazzagatti, imprenditore attualmente in regime di 41bis perché ritenuto legato al clan dei Barcellonesi. Il provvedimento è stato eseguito dal personale della Dia di Messina, a conclusione di un'indagine coordinata dalla Dda di Messina.

Originario di Santa Lucia del Mela, Mazzagatti è diventato monopolista nel settore della ristorazione e del catering nel centro tirrenico. La sua carriera criminale inizia negli anni Novanta, con il coinvolgimento e successiva condanna per estorsione aggravata dal metodo mafioso nell'inchiesta Sistema. In quell'occasione è stato appurato che la ditta Co.Ge.Mar di Barcellona Pozzo di Gotto era stata costretta a pagare il pizzo per lavori di consolidamento effettuati a Gualtieri Sicaminò.

Mazzagatti è stato arrestato anche nell'operazione Catering del 2004. Anche in questo caso per l'imprenditore è arrivata la condanna per tentata estorsione al titolare di un commerciante che vendeva tappeti persiani e ai titolari di una sala ricevimenti a San Pier Niceto. 

Il curriculum criminale dell'uomo si è arricchito con l'operazione Gotha VI, dove Mazzagatti è stato ritenuto coinvolto direttamente in due omicidi: il primo, nel 1998, di Fortunato Ficarra e il secondo, tre anni dopo, in località Calderà a Barcellona Pozzo di Gotto, quando a essere ucciso fu il boss di Terme Vigliatore Domenico Tramontana. Per questi fatti, in estate è stato la procura ha chiesto la condanna all'ergastolo per Mazzagatti.

Tra i beni interessati dalla confisca di oggi ci sono anche la sala ricevimenti Villa Mont Valerie e il bar Valèrie Coffee and Pastry. Nel complesso il provvedimento riguarda quattro imprese, 14 immobili, 19 terreni, numerosi mezzi e diversi rapporti finanziari per un valore complessivo di 32 milioni di euro.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews