Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Fisco, sequestro da oltre due milioni a imprenditore

Redazione

I finanzieri del Comando provinciale di Messina hanno concluso una complessa indagine con la denuncia per il reato di bancarotta fraudolenta di un noto imprenditore, ritenuto responsabile di aver sottratto dalla massa attiva fallimentare di una società operante nel settore della lavorazione delle pietre e del marmo quasi due milioni di euro. Le indagini, condotte dalle Fiamme Ggialle della tenenza di Sant’Agata di Militello e coordinate dal gruppo di Milazzo, sono state dirette dal sostituto procuratore della Repubblica di Patti Andrea Apollonio. 

Gli accertamenti si sono rivelati complessi a causa della notevole mole di documentazione da analizzare e sono stati sviluppati attraverso l’accurata analisi dei bilanci e delle scritture contabili, che si sono rivelate fondamentali per riuscire a delineare il quadro accusatorio nel suo complesso. L’approfondimento dei controlli dei conti correnti della società ha consentito ai finanzieri di rilevare alcune incongruenze che li ha portati a scoprire una macroscopica distrazione di denaro realizzata per mezzo dell’annotazione in contabilità di passività inesistenti. In tal modo, l’indagato è riuscito a sottrarre quasi due milioni di euro dalle casse aziendali. 

L’attività è proseguita con l’ulteriore verifica fiscale finalizzata a proporre il recupero a tassazione delle somme di cui l’amministratore si era indebitamente appropriato. Gli investigatori hanno, altresì, segnalato l’imprenditore all’autorità giudiziaria anche per il reato di omessa dichiarazione. Grazie alla gravità degli elementi raccolti, la Procura ha chiesto e ottenuto dal locale tribunale l’emissione di un decreto di sequestro preventivo, a firma del giudice per le indagini preliminari Eugenio Aliquò, per oltre due milioni e seicentomila euro, riferiti sia alle distrazioni accertate che all’evasione contestata all’indagato. 

Il provvedimento, che è stato eseguito in questi giorni dai militari, ha riguardato le liquidità e i beni rinvenuti nella disponibilità dello stesso. 

(Fonte: Comando provinciale guardia di finanza di Messina)

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews