Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Riforma rifiuti, Movimento 5 Stelle all'attacco
«Rimandate il testo in commissione Ambiente»

Secondo i deputati pentastellati va slegato l'iter del piano rifiuti con quello della riforma. E chiedono che il ddl venga ridiscusso in commissione per formulare una nuova proposta

Miriam Di Peri

Tutela dei lavoratori e autonomia del piano rifiuti rispetto alla riforma: sono questi i due punti attorno a cui ruota la richiesta che il Movimento 5 Stelle ha avanzato al governo di rimandare la riforma dei rifiuti, finalmente incardinata a Sala d'Ercole, in commissione Ambiente. Secondo i deputati pentastellati, il governo regionale sarebbe «confuso», «ha presentato - dicono - 40 emendamenti di riscrittura alla sua stessa riforma dei rifiuti, una riforma che è iniziata male e rischia di finire peggio». I deputati pentastellati chiedono dunque al governo un ritorno in commissione «e in quella sede si lavori a una nuova proposta che possa risolvere davvero il problema». 

A proposito, invece, del confronto coi capigruppo rispetto al quale le opposizioni hanno dato forfait, ecco che l'ex presidente della commissione Ambiente, Giampiero Trizzino, attacca: «Abbiamo lavorato un anno e mezzo in commissione su questa riforma. Non possono esserci incontri informali, è la commissione la sede istituzionale nella quale confrontarsi».

I nodi maggiormente spinosi sono quelli legati al personale, come nel caso emblematico di una società di Enna, partecipata per un punto percentuale dai privati, che avrebbe inibito l'accesso al concorso pubblico ai lavoratori. Su questo tema sono stati presentati diversi emendamenti, sia dalla maggioranza che dall'opposizione. Ma secondo i 5 Stelle non basta «perché parliamo di un bacino complessivo di oltre 11mila persone». 

Sul punto dell'autonomia del piano rifiuti rispetto alla riforma, il principio sostenuto dai 5 Stelle è semplice: posto che il documento operativo, soprattutto sull'impiantistica, è proprio il piano rifiuti, la proposta è di non legarlo alle sorti del ddl e soprattutto alle costituende Ada. «Se in tutto questo tempo non sono state liquidate le società precedenti - attacca Trizzino - perché mai dovremmo credere che in 180 giorni saranno create le Ada, il cui parere è vincolante per il piano rifiuti? Sleghiamo, allora, le sorti del documento programmatico dalla governance e il parere venga chiesto alle Srr, i cui componenti sono comunque gli stessi Comuni che costituiranno le future Ada».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews