Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

L'assessore Pierobon rinuncia all'incarico in Veneto
La scelta di restare a Palermo «per motivi personali»

A fine settembre la società veneta Etra, a totale partecipazione pubblica, aveva proposto ad Alberto Pierobon l'incarico di direttore generale. Adesso arriva la risposta negativa del componente della giunta regionale

Miriam Di Peri

Alberto Pierobon rinuncia all'incarico di direttore generale offerto dall'Etra, una società veneta a totale partecipazione pubblica che si occupa di gestione del servizio idrico integrato e gestione dei rifiuti nell'area che va dal Bassanese alla cintura urbana padovana. La notiziam dell'offerta era circolata a fine settembre, quando la società aveva reso noto di aver proposto all'assessore tecnico un incarico a più zeri. Pierobon si è preso del tempo per riflettere e valutare se fosse il caso di defilarsi dalle grane della gestione dell'assessorato forse più complesso della Regione Siciliana. Alla fine ha scelto di restare e lo ha comunicato con una lettera indirizzata ai vertici della società veneta.

La missiva, datata 4 novembre 2019, declina l'invito, seppur con «rammarico», per ragioni personali e familiari. «Mi onoro della vostra prestigiosa proposta di incarico di direttore generale - scrive Pierobon - tuttavia sono sopraggiunti motivi personali e familiari che non mi consentirebbero di svolgere pienamente, come sono solito fare, l’incarico. Serietà e responsabilità mi inducono quindi a rinunciare ringraziando dell’opportunità e della considerazione, ricambio con stima».

Pierobon intanto in Sicilia sta seguendo il complesso iter parlamentare della riforma dei rifiuti che porta il suo nome. Un disegno di legge che riparte dai principi di autonomia e autosufficienza dei territori: nel progetto del tecnico veneto, infatti, è previsto che il ciclo dei rifiuti cominci e si esaurisca nella singola provincia di produzione, con impianti autonomi sia di riciclo, che di smaltimento e valorizzazione nelle tre aree metropolitane e nei sei Liberi Consorzi dell'Isola. Ma il tragitto in Aula somiglia più a una traversata di Caronte, che a una navigazione da crociera.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews