Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Gli ex lavoratori del Cara di Mineo protestano a Trapani
Reclamano gli stipendi davanti alla sede di Badia Grande

Dal Catanese all'altra punta della Sicilia, per essere ricevuti dalla coop che era capofila nella gestione del centro d'accoglienza. «Dal momento della chiusura è scomparsa pure l’azienda», denunciano. Ricevendo in risposta delle promesse

Pamela Giacomarro

Da Catania a Trapani, per protestare contro il mancato pagamento degli stipendi. Un gruppo di lavoratori del Raggruppamento Temporaneo di Imprese che gestiva fino al luglio scorso il Cara di Mineo, ha raggiunto questa mattina Trapani per presidiare la sede della cooperativa Badia Grande, capofila del Rti. 

I dipendenti vantano crediti relativi agli stipendi di giugno e luglio, oltre a lamentare il fatto che anche in passato gli emolumenti sono stati pagati con gravi ritardi. Presidente del Rti che riunisce la Fondazione San Demetrio di Piana degli Albanesi, il consorzio Agri.Ca di Agrigento, la Chiron di Catania e il consorzio Aretè di Trapani, è Antonio Manca, alla guida anche della capofila cooperativa Badia Grande. Proprio a lui i lavoratori oggi in trasferta a Trapani si sono rivolti per avere garanzie e chiarimenti. 

«Il Cara di Mineo – dice Pippo Tasca a nome di tutti i colleghi – ha chiuso di fatto i battenti dopo otto anni, in seguito alla revoca della concessione da parte della Prefettura di Catania, così da un giorno all’altro ci siamo ritrovati tutti per strada. Solo che da quel momento è scomparsa pure l’azienda. Siamo venuti oggi per farci ricevere da qualche dirigente e avere notizie sui nostri stipendi, sul nostro trattamento di fine rapporto, sulla nostra tredicesima, il mancato preavviso, quelli che insomma sono i diritti di ogni dipendente». 

Il presidente Manca, che alla fine ha incontrato i lavoratori, ha assicurato che entro la settimana saranno pagati i residui stipendi di giugno 2019 ed entro la fine di novembre saranno elaborate le buste paga e saldati gli stipendi di luglio. Ma per quest'ultimo mese solo relativamente alla prima metà, poiché dal 15 luglio 2019 la Prefettura di Catania ha revocato l’appalto relativo a fornitura e servizi alla persona, gestione amministrativa e registrazione stranieri, assistenza generica e sanitaria alla persona. Un appalto di quasi 17 milioni di euro che, sottolinea Manca, la Prefettura non avrebbe onorato fino in fondo lasciando il Rti con esposizioni e crediti.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews