Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Svimez, la nuova sconfortante fotografia della Sicilia
Pil in leggera risalita, ma male lavoro e fondi europei

Nel nuovo rapporto presentato dall'Agenzia per lo sviluppo del Mezzogiorno l'Isola ne esce male in quasi tutti gli indici. E si scopre che a fare peggio nell'occupazione femminile è soltanto un arcipelago tra Mozambico e Madagascar

Simone Olivelli

Foto di: Luca Parmitano

Foto di: Luca Parmitano

Peggio della Sicilia fa soltanto l'arcipelago di Mayotte. Che, per quanti non lo sapessero, pur facendo parte del dipartimento francese d'oltremare si trova tra il Madagascar e il Mozambico. Il parallelo, impietoso, riguarda la percentuale di occupazione femminile tra i territori europei ed è citato all'interno dell'ultimo rapporto della Svimez, l'agenzia per lo sviluppo del Mezzogiorno. 

Anche quest'anno il documento, presentato stamattina a Roma, accende i riflettori sul generale stato di arretratezza della Sicilia all'interno del contesto meridionale, anche quando confrontato con le altre regioni italiane. Parlando di lavoro, le donne che nell'Isola hanno un impiego sono soltanto il 29,1 per cento. Dato inferiore di oltre trenta punti rispetto alla media europea e, tra le 277 regioni prese in considerazione, migliore soltanto di Mayotte, dove a lavorare è solo il 25,4 per cento delle donne. 

A calare comunque è l'occupazione in generale: nei primi sei mesi dell'anno, il lavoro in Sicilia si è ridotto. Tra le persone d'età compresa tra 15 e 34 anni, l'occupazione è bassissima: appena il 29 per cento. «Un dato senza paragoni in Europa», si legge nel rapporto della Svimez. A riprova di come la ripresa dalla famigerata crisi di fine anni Duemila non sia avvenuta: confrontando i livelli occupazionali con quelli precedenti al 2008 in Sicilia si registra un - 7,8 per cento. Il dato peggiore tra le regioni meridionali.

Tutto ciò nonostante nel 2018 il Pil in Sicilia sia cresciuto dello 0,5 per cento, in controtendenza rispetto al 2017 quando l'anno si concluse con un saldo negativo dello 0,3 per cento. A crescere, nello specifico, sono l'industria (+5,9 per cento) e le costruzioni (+4,3). Mentre il settore terziario segna appena lo 0,1 per cento in più. Male, invece, l’agricoltura (- 4,2).

Il contesto economico è alla base del fenomeno migratorio. Per quanto la Sicilia abbia il terzo tasso di natalità tra le regioni italiane, la crescita totale, che tiene conto anche della scelta di andare a vivere altrove, è negativo. Il - 5,4 per cento rappresenta il dato peggiore in Italia dopo quello del Molise. Andando avanti di questo passo nel 2065 la popolazione nell'Isola dovrebbe scendere a poco più di 3,9 milioni di persone. Oltre un milione in meno rispetto a oggi.

Interessanti anche i dati sul reddito di cittadinanza. In Sicilia sono state più di 224mila le domande presentate. Considerando quelle accolte il numero dei nuclei familiari beneficiari ammonta a 165mila persone. Con un importo medio che si aggira sui 529 euro mensili, la seconda cifra più alta in Italia dopo la Campania. 

Per quanto riguarda l'istruzione, dal rapporto Invalsi viene fuori che il gap di competenze cresce da Nord a Sud e man mano che si va avanti con l'età scolare. «I divari relativamente piccoli nella scuola primaria crescono nella secondaria inferiore e ancor di più in quella superiore. Tra le regioni del Sud i livelli mediamente più bassi si rilevano per Campania, Calabria, Sicilia e Sardegna», si legge. Nell'Isola a essere messe male sono anche le strutture scolastiche: «Quasi il 98,4 per cento delle scuole ha bisogno di manutenzione urgente», avverta la Svimez.

Un antidoto alla povertà potrebbe arrivare, potenzialmente, dai fondi europei. Ma come più volte ribadito, anche in questo caso la Sicilia non spicca, con una capacità di impegnare le risorse limitata e dati relativi ai pagamenti ancora molto bassi. Nell'Isola, su cinque miliardi di euro di risorse programmate nell'ambito della finestra 2014-2020, ne sono stati impegnati poco più di un miliardo e mezzo. La percentuale di pagamenti finora effettuata è la più bassa d'Italia: appena il 17,69 per cento. E restano ancora da certificare 603 milioni.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews