Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Le tartarughe californiane che infestano il bacino dell'Enel
Trasferite nel Siracusano con la benedizione del ministero

Nella zona industriale di Catania, lo specchio d'acqua di Passo Martino c'è una quarantina di esemplari tanto affascinanti quanto pericolosi. Così è partito il progetto di trasferimento nell'azienda Macrostigma dove verranno isolate e visibili a fini didattici

Salvo Catalano

Fermarsi a guardarle mentre prendono il sole è uno spettacolo. Ma l'apparenza, come spesso accade, inganna. Le tartarughe californiane, trachemys scripta, che a Catania popolano il bacino di Passo Martino di proprietà di Enel Green Power sono una specie tanto affascinante quanto pericolosa per le altre presenti nello specchio d'acqua. Qualche tempo fa, ad esempio, hanno ferito un'anatra, hanno aspettato che morisse e poi se la sono divorata. Per questo il ministero dell'Ambiente le ha dichiarate «specie aliena da eradicare». 

A Passo Martino ce ne sono una quarantina. Ed è partita l'operazione trasferimento. In questi giorni personale specializzato è impegnato nei tentativi di catturare i rettili e trasferirli nel Siracusano, nella ditta Macrostigma, a Rosolini. Un'azienda agroittica che da decenni si dedica all'acquacoltura e alla pesca sportiva, con un laghetto artificiale aperto a visite didattiche dove studenti provenienti da tutta la Sicilia imparano sul campo tutto quello che ruota attorno alla vita e alla riproduzione delle specie ittiche di allevamento. 

Qui, dunque, le tartarughe di Passo Martino proseguiranno la loro vita. «Verranno separate per sesso e ombreggiate con alberi o con un telo, perché il sole aumenta lo stimolo alla riproduzione - spiega Piero Armenia, ispettore ittico e titolare insieme alla moglie di Macrostigma - Finché vivranno, in media 22 anni, sarà l'Enel a pensare economicamente alla loro sopravvivenza. Qui da noi troveranno l'habitat ideale e, soprattutto, saranno isolate dalle altre specie». 

Un'iniziativa benedetta dal ministero dell'Ambiente che ha pure sollecitato la Regione siciliana a facilitare il trasferimento. Quest'ultima, però, si sarebbe mostrata impreparata di fronte alle necessarie autorizzazioni di sua competenza. «Se fossero arrivate nel Simeto - spiega Armenia - sarebbe stato un disastro. Lo avrebbero invaso in poco tempo, distruggendo i pesci più deboli: cefalo, spigola, trota, anguille, compresa la tartaruga d'acqua siciliana».

Nei giorni scorsi ne sono state recuperate una trentina, non senza difficoltà. Sono animali molto furbi e cambiano strategia appena capiscono il tipo di trappola che hanno davanti: si infilano sotto il fango per evitare la rete a strascico e riconoscono il pericolo. «Una volta nel nostro impianto verranno microchippate e messe in apposite vasche di una decina di metri, con dei tronchi galleggianti dove potranno prendere il sole, cosa che amano molto fare. Verranno usate a fini didattici».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews