Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Spaccio e furti nelle campagne ragusane, 10 arresti
Sequestrata anche una lussuosa villa con piscina

Un blitz dei carabinieri stanotte ha sgominato una banda che era diventata l'incubo delle aree rurali della provincia. Le piazze di spaccio in campagna godevano di maggiore protezione. Indagini partite dalla perquisizione a casa di Raffaele Agnello

Valentina Frasca

Diversi mesi di indagine, dall'ottobre 2018 al giugno 2019, infine il blitz e gli arresti. In dieci stanotte sono finiti in manette per spaccio e furti di piante e interi raccolti nelle campagne del Ragusano. 

L'operazione Country Hide - chiamata così proprio perché i colpi venivano messi in atto in zone rurali - è stata eseguita dai carabinieri del comando provinciale di Ragusa, con il supporto dei colleghi di Cagliari e Reggio Emilia, dei Cacciatori di sicilia, del nucleo elicotteri di Catania e di quello cinofili di Nicolosi. 

Abderramane

Agnello

Eilkamel

Faical

Fouad

Guettache

Liko Enea

Liko Francesko

Masi

Mesar

Numerosi gli elementi a carico delle dieci persone, tutte pregiudicate. Sarebbero i responsabili di molti dei furti avvenuti di recente: piantine e interi raccolti rubati di notte, con danni ingenti per gli imprenditori. I capi d'imputazione sono furto aggravato, detenzione e spaccio di droga in concorso

«Tutto è partito dall'osservazione di movimenti sospetti nelle campagne – ha spiegato il comandante Gabriele Gainelli, presente insieme alla capitana Mariachiara Soldano - ci hanno fatto intuire che lo spaccio non avveniva più solo più nelle classiche piazze, ma in periferia, tra le serre, dove è più difficile dare nell'occhio . Qui davano appuntamento ai clienti, mentre nel caso dei clienti più importanti, la droga veniva consegnata a domicilio». 

Otto persone adesso sono in carcere tra Ragusa, Cagliari e Reggio Emilia, due ai domiciliari. Dietro le sbarre sono finiti Raffaele Agnello, ragusano di 55 anni, Mesar Ruci, albanese di 44 anni, Cristian Masi, di Santa Croce Camerina, 25 anni, Fouad Jaballah , tunisino classe 1986, Abdenaur Guettache, algerino di 38 anni, Faical Mansour , tunisino classe 1977, Abderramane Beh Hassen e Salem El Kalem, tunisino di 41 e 30 anni. Agli arresti domiciliari sono stati posti gli albanesi Artur e Francesco Liko, classe 1993. 

Abderramane da qualche tempo si era trasferito a Cagliari, e lì è stato arrestato, Masi a Reggio Emilia. Le indagini sono giunte ad una svolta nel febbraio 2019, quando, durante una perquisizione nella villa a due piani con piscina, veranda e ampio giardino di Raffaele Agnello, sono stati trovati droga e 6.675 euro in contanti. Da lì sono iniziati gli accertamenti patrimoniali che hanno permesso di dimostrare che c'era una sproporzione tra il possesso dei beni e la capacità reddituale di Agnello e della coniuge. La villa, pertanto, è stata sequestrata, insieme ai soldi e allo stupefacente. Le perquisizioni di questa notte, inoltre, hanno permesso di trovare due machete e un bastone chiodato, ovviamente sequestrati, a dimostrazione della pericolosità di questi soggetti.

I dieci uomini avrebbero spacciato di tutto. Dalla marijuana (ne sono stati sequestrati due chili), all'hashish (3 chili ) fino ad eroina e cocaina. Rinvenute anche 4600 piantine di peperoni e 200 cassette di melanzane rubate, insieme a 250 chili di zucchine e a un ingente quantitivo di limoni

«Le denunce degli imprenditori agricoli derubati sono arrivate in un secondo momento - ha spiegato la capitana Soldano - inizialmente le indagini hanno preso il via solo dalle nostre attività di osservazione e dai servizi di repressione che ci hanno permesso di capire come le piazze dello spaccio si stessero strategicamente spostando dal centro alle campagne , per essere meno spudorati e non destare sospetti. La campagna è a bassa densità di popolazione, difficilmente raggiungibile, e loro sfruttavano la conformazione dei luoghi per eludere i controlli». 

In particolare, i tre albanesi (Ruci e i due Liko) sarebbero stati specializzati nella commissione di furti e saccheggi nelle aziende agricole. Si erano suddivisi le mansioni , c'era chi faceva i sopralluoghi nelle aziende e individuava la serra nella quale i contadini piantavano o raccoglievano, e quando vedevano che c'era il raccolto pronto e accatastato tornavano di notte e portavano via tutto , indisturbati. La droga sequetrata è stata rinvenuta disseminata in sacchi per la raccolta della paglia, sotto i cespugli e nel giardino della casa di Agnello, che operava nei territori di Santa Croce Camerina e Marina di Ragusa , occupandosi prevalentemente della vendita dello stupefacente. Jaballah copriva la zona di Vittoria, El Kalem quella di Donnalucata. Oltre 50 sono stati i militari impegnati nell'operazione. I provvedimenti cautelari sono stati emessi dal GIP del tribunale di Ragusa, su richiesta della Procura della Repubblica.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×