Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Serie C, Sicula Leonzio ko anche con la nuova gestione
Al Massimino pareggio a reti bianche tra Catania e Bari

In casa bianconera non funziona il cambio d’allenatore e l’esordio di Bucaro è amaro con la sconfitta per 2-0 sul campo della Viterbese. Nel big match di giornata, gli etnei non vanno oltre lo zero a zero contro i pugliesi. La vetta per i rossazzurri resta lontana

Luca Di Noto

Foto di: pagina Facebook Sicula Leonzio

Foto di: pagina Facebook Sicula Leonzio

Si chiude con un bilancio di un pareggio e una sconfitta la domenica delle due siciliane impegnate quest’oggi nelle gare valevoli per la 12esima giornata del campionato di serie C, girone C. Seconda gara interna consecutiva (e secondo pari) per il Catania che non va oltre lo 0-0 contro il Bari, dipinto da più parti come autentica corazzata. Un pareggio che porta i rossazzurri a quota 17 punti in classifica, con le zone nobili che però restano lontane e la vetta occupata dalla Reggina che dista undici lunghezze. Altro ko invece per la Sicula Leonzio che cade anche sul campo della Viterbese. La squadra bianconera resta ferma a quota sei punti e la situazione di classifica si fa sempre più complicata.

Al Massimino si assiste a un match dai due volti, con un primo tempo frizzante e una ripresa meno vivace. I padroni di casa ci provano con Dall’Oglio. La risposta dei pugliesi è affidata a Costa, ma il suo mancino è respinto da Furlan. I siciliani sembrano avere qualcosa in più e ci provano con Welbeck e soprattutto con Mazzarani che però non riesce a finalizzare una clamorosa occasione creata da Di Piazza. Al 24’ gli etnei vorrebbero un rigore per un presunto tocco di mano in area, l’arbitro concede la punizione dal limite che viene battuta da Lodi, Frattali in tuffo gli nega il gol. Dall’altra parte ospiti pericolosi con Folorunsho e Simeri, ma Furlan è attento. In avvio di ripresa, occasione per l’ex Antenucci, ma il suo destro è impreciso. Al 67’ Mazzarani trova il gol, ma l’arbitro annulla per fuorigioco. A regnare è l’equilibrio, le ultime chance arrivano dopo l’80’: prima con Folorunsho, il cui diagonale è impreciso, e poi con Rizzo, ma la sua conclusione è debole.

Debutto amaro per Giovanni Bucaro, che in settimana ha sostituito Vito Grieco, sulla panchina della Sicula Leonzio. Bianconeri alla terza sconfitta consecutiva e con una situazione di classifica sempre più precaria. Gara equilibrata nei primi minuti con due occasioni per parte. I padroni di casa protestano tra il 13’ e il 21’ per due presunti falli in area su Tounkara, ma in entrambi i casi il direttore di gara lascia correre. I gialloblu trovano comunque il vantaggio al 27’ con Volpe che è colpevolmente lasciato solo e approfitta di una torre di Zanoli per fulminare Polverino. Laziali subito vicini al raddoppio con Sibilia mentre la reazione dei siciliani è tutta in un tentativo fuori misura di Parisi. In avvio di ripresa arriva il raddoppio della Viterbese con Tounkara, che in tap-in mette in rete su assist di Palermo. Bucaro dà ai suoi un’impronta più offensiva ed è Lescano a provarci in un paio di occasioni, senza successo. Nel finale, occasioni per i padroni di casa non sfruttate da Culina, Sibilia e Tounkara.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews