Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

A Messina bibliotecarie comprano libri per i neonati
«Lettura come sana abitudine, li daremo ai pediatri»

L'associazione Intervolumina ha vinto un finanziamento da 100mila euro. Soldi che verranno spesi per avvicinare i bimbi in età pre-scolare a un'attività che rafforza il rapporto genitore-figlio. Previsti anche corsi per famiglie e operatori sociali

Simona Arena

Per la poetessa Wislawa Szymborska «leggere i libri è il gioco più bello che l’umanità abbia inventato». E in questa frase c’è racchiuso il lavoro che da anni porta avanti l’associazione Intervolumina che raccoglie al suo interno un trentina di soci tra insegnanti in pensioni, docenti universitari e bibliotecari che in comune hanno la passione per la lettura e il grande desiderio di avvicinare i più piccoli ai libri. 

Di questa associazione fanno parte anche Carmen Puglisi, Elena Scrima, Giovanna Quartarone e Mariangela Orlando. Sono quattro bibliotecarie che a Messina hanno fatto avvicinare alla lettura centinaia di bambini e che con Intervolumina hanno partecipato e vinto un bando nazionale che permetterà di acquistare tanti libri, creare punti lettura nelle scuole e tanto altro ancora. Si sono classificati al primo posto per la macro area del Sud e delle Isole del bando Leggimi 0-6 promosso dal centro per il libro e la lettura (Cepell), che come obiettivo ha quello di incentivare la lettura in età prescolare. 

«Cerchiamo di far diventare la lettura una buona abitudine familiare per favorire lo sviluppo cognitivo, relazionale e affettivo del bambino», spiegano le bibliotecarie. «Grazie alla loro passione - sottolinea Giuseppe Lipari, presidente di Intervolumina - è nato il progetto Leggere prima di leggere: nascere e crescere con i libri». Le quattro donne hanno semplicemente inserito nel progetto quanto già fanno da anni. «Sono state tre le caratteristiche fondamentali che hanno premiato il nostro progetto - spiegano -. L’avere sottolineato quanto il condividere la lettura rafforzi il legame genitore figlio, la cura nel rendere la lettura prima di tutto piacevole e adeguata alle necessità dei piccoli lettori e la capacità di far rete, attraverso una partnership con soggetti pubblici e privati operanti sia nel settore culturale, che in quello socio sanitario». 

Grazie al finanziamento da 100mila euro, l’associazione potrà acquistare i nuovi libri per un totale di 25 mila euro. «Doneremo attraverso i pediatri libri per i nuovi nati e per bimbi fino ai cinque anni di età - proseguono le bibliotecarie nell’illustrazione del progetto -. I soldi li stiamo spendendo interamente sul territorio». Ne sono un esempio tangibile i punti lettura dotati di libri e arredi adatti all’infanzia, curati da Marika Rando in sei istituti comprensivi: all’Albino Luciani, alla Catalfamo, alla La Pira-Gentiluomo, alla Giovanni XXIII, all’Elio Vittorini, alla Crispi-Pascoli. Ma anche nei tre asili comunali San Licandro, Angolo del cucciolo e Suor Maria Francesca Giannetto. «Prevediamo anche la creazione di bookstop con materiale informativo e libri presso i reparti di pediatria del Policlinico e del Papardo di Messina e l’incremento della sezione bambini e ragazzi Fata Morgana della biblioteca comunale e della sezione Bibliolandia della biblioteca dei Cappuccini di Messina». 

In programma anche incontri informativi rivolti alle famiglie e corsi riservati a operatori dei servizi socio-sanitari, educativi e culturali, attività laboratoriali per coinvolgere i bambini nella sperimentazione di nuove modalità di approccio al libro. «Finalmente diamo al nostro volontariato una forma progettuale. Contrastiamo la povertà educativa, non è facile ma ne siamo orgogliosi», concludono. A collaborare con l’associazione Intervolumina sono, l’Asp di Messina, il reparto di Pediatria del Policlinico di Messina, il reparto di Pediatria del Papardo di Messina e l’associazione culturale Pediatri dello Stretto. Per saperne di più è stato creato anche un portale raggiungibile all'indirizzo www.leggereprimadileggere.it, una pagina Facebook e un canale Youtube dove vengono lette delle storie.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

MeridioKids, la rubrica per i più piccoli

Un modo per creare comunità in questo periodo senza socialità. Nasce per questo MeridioKids, la rubrica di MeridioNews pensata per la quarantena di grandi e piccini. Istruttori di discipline sportive, artisti, disegnatori, animatori, pasticceri, maghi. A ognuno abbiamo chiesto di pensare un'attività o un gioco ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews