Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Droga nell'auto per incastrare un insegnante
Il piano per non ridargli i suoi 250mila euro

L'assicuratore Vincenzo Acciaro avrebbe organizzato tutto per non restituire il capitale al proprietario. Adesso è stato condannato a quattro anni di reclusione per calunnia. La vittima è Domenico Timpanelli che svolge anche attività di operatore turistico

Redazione

Un assicuratore gelese, Vincenzo Acciaro, broker finanziario, è stato condannato dal tribunale a quattro anni di reclusione per calunnia nei confronti di un insegnante, Domenico Timpanelli, che svolge anche l'attività di operatore turistico e che gli aveva affidato i propri risparmi ammontanti a 250mila euro, per investirli. 

La sentenza, emessa dal giudice monocratico, Marica Marino, ha un complesso retroscena imperniato sul presunto tentativo dell'assicuratore di non restituire il capitale al legittimo proprietario. Secondo la denuncia di Timpanelli, Acciaro, con la complicità di Biagio Tribulato, di Lentini, avrebbe messo in piedi una macchinazione tendente a non restituire i soldi alla scadenza e a truffare Timpanelli. 

Prima avrebbe tentato di fare arrestare l'insegnante accusandolo di usura e non riuscendovi, con Tribulato, avrebbe organizzato una detenzione di droga per farlo arrestare. Nella notte tra il 26 e il 27 aprile del 2012, il lentinese (pure lui già condannato a tre anni e sei mesi di reclusione per calunnia, con pena confermata in appello) avrebbe nascosto nel passaruote dell'automobile di Timpanelli, parcheggiata sottocasa, nel rione Macchitella, un pacco contenente mezzo chilo di hashish e cinque grammi di cocaina che si sarebbe procurato a Catania. 

La guardia di finanza di Gela, informata dallo stesso Tribulato, perquisì l'auto e, trovata la droga, arrestò Timpanelli. Un arresto provvidenziale perché bloccava la restituzione dei soldi dell'investimento. Scarcerato qualche giorno dopo, l'insegnante gelese fu assolto con formula piena dal gip del tribunale di Gela che lo giudicò «vittima di una macchinazione». Ma Timpanelli non è più ritornato in possesso dei suoi 250mila euro. 

(Fonte: Ansa)

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews